Newsletter070120: IRAN-USA ‘Scontro tra imperialismi’

MEDIO ORIENTE L’eliminazione del Qassem Soleimani da parte degli USA è solo una mossa elettorale di Donald Trump o il frutto di un calcolo strategico più ampio? E dobbiamo aspettarci ritorsioni tali da spingere il conflitto verso un’escalation o addirittura una guerra aperta? Ne parliamo con Alì Ghaderi, responsabile esteri dei Fedayn del Popolo Iraniano. CILE Mentre proseguono le manifestazioni e la repressione da parte delle forze governative quali scenari si aprono per la crisi cilena? Elena Rusca, giornalista italiana che in questi giorni si trova a Santiago, ne individua uno. CINEMA ‘Sorry we missed you’, l’ultimo film di Ken Loach punta l’obiettivo su uno dei settori strategici dell’economia mondiale, la logistica, posando uno sguardo senza speranza sulle condizioni di chi ci lavora.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter310718: Trump sfratta il sindacato federale

SINDACATO Negli Stati Uniti Trump va allo scontro coi sindacati dei dipendenti delle agenzie dell’Amministrazione federale. In ballo ci sono le regole sui licenziamenti, ma anche la contrattazione collettiva e la stessa agibilità del sindacato all’interno degli uffici. Una situazione che – secondo Labor Notes – ricorda lo scontro tra Reagan e i controllori di volo negli anni ’80. La notizia da una parte infrange l’immaginetta del Presidente che firma i dazi sull’acciaio circondato dagli operai, dall’altra però pone un problema ai critici italiani di Trump: qualche mese fa tv, giornali, social traboccavano indignazione per gli incontri clandestini del leader USA con una pornostar, oggi il suo Governo sfratta i sindacati dagli uffici pubblici e tutti tacciono? POLITICA/MEDIA Che cos’è Byoblu, il videoblog di Claudio Messora, da cui provengono il candidato alla presidenza della RAI Foa, ma anche Bagnai, Rinaldi, Borghi e gran parte della nuova generazione di dirigenti proiettati ai vertici della Lega dalla ‘rivoluzione’ salviniana? Una riflessione su un’abile operazione politico-editoriale inseritasi anche nel vuoto lasciato dall’informazione di sinistra. E su cui la sinistra dovrebbe fare un pensiero per il futuro. LAVORO Dall’India una vicenda che fa luce sulla condizione dei pourakarmikas, i lavoratori che raccolgono i rifiuti urbani per conto  di ditte d’appalto che fanno capo però ad aziende municipali. Una storia in cui modernissime tecnologie biometriche si intrecciano con uno sfruttamento del lavoro e discriminazioni di casta da medioevo.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter060418: In Siria Macron sfida Erdogan

INTERNAZIONALE A sette anni dall’inizio della guerra civile in Siria si combattono una guerra pubblica e una guerra segreta. Lo confermano le notizie riportate da più fonti, ma non confermate ufficialmente dai diretti interessati, di un’iniziativa congiunta franco-americana per fermare l’offensiva turca contro le città della Siria settentrionale controllate da milizie curde (YPG) e arabe. Un’iniziativa che conferma ancora una volta una crescente tendenza di Parigi a porsi come potenza geopolitica europea, ma dotata di una sua ‘autonomia strategica’ e che, del resto, si riflette nei numeri della recente Legge di programmazione militare 2019-2025, con una previsione di crescita costante della spesa militare nei prossimi anni. SINDACATO C’è da pensare che sui tagli ai servizi pubblici contro cui stanno scioperando i lavoratori francesi ci sia anche l’esigenza di reperire risorse per le ambizioni militari di Macron e dei settori dominanti della società francese che lo sostengono. Anche i lavoratori dell’intero comparto dei rifiuti scendono in campo e denunciano una vera e propria ‘dichiarazione di guerra’ dell’esecutivo nei loro confronti, dopo che alcuni impianti occupati dagli scioperanti hanno assistito all’arrivo di reparti della polizia in tenuta antisommossa. ECONOMIA Mentre la risposta cinese all’ultima ondata di dazi imposti da Trump non si fa attendere, alcuni economisti sottolineano che il mito di una Cina lanciata in un’inarrestabile cavalcata verso la supremazia economica nel mondo comincia a incrinarsi alla prova dei fatti. In particolare entra in crisi la tesi secondo cui la forza dei numeri per Pechino sarebbe una bronzea garanzia di successo. Il peso crescente della tecnologia e in particolare dell’intelligenza artificiale in campo economico potrebbe, al  contrario,rendere una popolazione di oltre un miliardo di persone una palla al piede più che un vantaggio. Questa almeno è la tesi di Kenneth Rogoff, docente di economia ad Harvard ed ex capo economista del FMI dal 2001 al 2003.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi