Newsletter170919: Roma, in metro sicurezza a zero stelle

ITALIA Da Roma arriva la conferma di come il fallimento del M5S derivi dalla sua contraddizione originale: criticare l’establishment liberista sul piano morale, senza però essere in grado di uscire dall’alveo delle politiche liberiste. La pratica degli appalti pubblici al ribasso, funzionali al contenimento della spesa, è uno dei pilastri di tali politiche. E la Procura di Roma, con l’inchiesta sugli incidenti nella metropolitana, dimostra la continuità che lega le scelte dell’amministrazione Raggi alle precedenti. SPAGNA Anche a Madrid sulla stucchevole telenovela della trattativa tra socialisti e Podemos per la formazione di una coalizione di governo incombe la paura delle urne. L’assenza di un ‘effetto Salvini’ in grado di ricompattare la borghesia moderata alla fine potrebbe spingere alle ennesime elezioni, ma col timore che esse segnino un’avanzata della destra e confermino l’attuale instabilità. FRANCIA Un Macron indebolito affronta un nuovo braccio di ferro coi lavoratori, questa volta sulla riforma delle pensioni. Venerdì a scendere in campo sono stati i dipendenti della metropolitana a Parigi. Nella capitale 10 linee su 16 sono rimaste chiuse.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter190719: verso le ‘Guerre stellari’?

GEOPOLITICA L’annuncio della creazione di un comando militare dello spazio francese è passata quasi inosservata, ma è una dichiarazione d’intenti che riflette la ‘volontà di potenza’ di cui Macron è portavoce e il suo desiderio, già evidente, di modificare gli equilibri di potere in Europa a scapito di Berlino, anche approfittando della Brexit. Nella newsletter di oggi il punto di vista del portavoce dell’aviazione militare francese, quello dell’esercito cinese e uno sguardo dalla Gran Bretagna, prima potenza militare europea ma in uscita dall’Unione. LAVORO La relazione annuale del Garante sugli scioperi, presentata a giugno, traccia una mappa della conflittualità sindacale nei servizi pubblici, ne misura una diminuzione significativa nel corso del 2018, ma allo stesso tempo disegna un panorama in cui tanti piccoli scioperi nei settori nevralgici, magari convocati da piccole organizzazioni, potrebbero rivelarsi più destabilizzanti di grandi iniziative convocate dalle maggiori sigle. Un tema che, oltre che il Garante, sembra preoccupare anche queste ultime.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter140918 Perché Macron traballa

EUROPA Mentre siamo ormai già immersi nella campagna elettorale per le europee 2019 colui che si candida a capo del fronte europeista contro il ‘populismo’ dilagante, il presidente francese Macron, ha avuto un rientro dalle vacanze estive quanto meno problematico. Scandali, manovre di corridoio, ma soprattutto un’economia che rallenta lo trascinano su una rotta di collisione coi lavoratori e i sindacati francesi e forse le prospettive per lui non sono così rosee se, anche nel suo campo, arrivano le prime defezioni. Dall’altra parte della barricata cresce l’egemonia delle forze ‘populiste’, come abbiamo visto di recente in Germania a Chemnitz e con le elezioni in Svezia. Uno studio della Friedrich Ebert Stiftung tedesca osserva come uno dei tratti di questa egemonia sia la crescita dell’influenza dell’estrema destra anche tra le donne. AFRICA Se ne parla sempre più di frequente, ma in modo sempre più frammentario, confuso, spesso senza alcuna conoscenza del contesto e della storia di un continente il cui sfruttamento ha contribuito allo sviluppo del capitalismo europeo occidentale e che oggi, per una sorta di ‘nemesi storica’, all’Occidente presenta un conto da molti giudicato eccessivo o addirittura immotivato. PuntoCritico ne parla con Raffaele Masto, giornalista, saggista e collaboratore della rivista Africa e di Radio Popolare. SIRIA Si è tornati a parlare di Siria a proposito dell’incombente attacco delle forze governative di Assad, appoggiate da Russia e Iran, alla roccaforte sunnita di Idlib. Milioni di sfollati in questa provincia della Siria nordoccidentale rischiano di trovarsi preda delle contraddizioni tra Ankara, Mosca e Teheran, accantonate solo temporaneamente dopo che Erdogan ha rotto la tradizionale collaborazione tra Turchia e NATO. Ora quelle contraddizioni tornano a galla con conseguenze potenzialmente esplosive.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter170418: E se Macron fallisse?

INTERNAZIONALE L’ultimo numero di Limes, la rivista di geopolitica diretta da Lucio Caracciolo, ci fornisce un’immagine della Francia di Macron priva di quell’alone agiografico con cui la politica italiana è solita porsi nei confronti di qualunque fenomeno a cui pensa di potersi ispirare per uscire dalla propria crisi. Le aspirazioni regali di Macron alla riconquista della ‘grandezza perduta’ vengono ridimensionate e le sue contraddizioni messe in rilievo in tutta la loro portata. ITALIA Limes sottolinea anche le possibili influenze della politica francese sull’Italia. Un nuovo governo a trazione leghista o pentastellata potrebbe decidere di non confermare la missione italiana in Niger decisa a gennaio (col voto contrario del M5S), così come per il ‘lepenista’ Salvini la conferma del ‘Trattato del Quirinale’, messo in cantiere lo scorso autunno da Macron e Gentiloni, potrebbe essere un boccone troppo indigesto. Anche un articolo del britannico International Institute for Strategic Studies, tratto dall’edizione 2018 dell’IISS Military Balance+, si interroga sugli sviluppi della politica estera italiana nei prossimi mesi. Il nuovo governo italiano infatti non sarà chiamato a occuparsi solo di fisco o di reddito di cittadinanza. C’è anche la politica internazionale, soprattutto dopo le recenti tensioni in Siria. SINDACATO Sabato a Genova all’incontro internazionale organizzato dal coordinamento dei consigli di fabbrica europei della siderurgia rappresentanti sindacali italiani, francesi, tedeschi e belgi del settore hanno analizzato i possibili effetti della ristrutturazione della produzione europea, con migliaia di esuberi in arrivo nei prossimi mesi e lanciato un segnare chiaro e forte al sindacato europeo e mondiale: i lavoratori europei della siderurgia vogliono scioperare insieme per difendere stipendi e posti di lavoro, ma anche per non farsi arruolare e dividere dalle iniziative protezioniste in atto, non solo da parte degli USA, nel mercato dell’acciaio. IN BREVE Il Corriere pubblica un’interessante e ampia intervista ad Arturo Schwarz, poliedrico scrittore, artista, editore e collezionista, militante politico marxista, che riepiloga una vita avventurosa e densa di contatti con personaggi come Lev Trotsky e André Breton. Al Cinema è ‘Karl Marx mania’? ‘Il giovane Karl Marx’ è un piccolo successo. Partito in sordina, raddoppiano le copie in circolazione per rispondere alla richieste delle sale.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter060418: In Siria Macron sfida Erdogan

INTERNAZIONALE A sette anni dall’inizio della guerra civile in Siria si combattono una guerra pubblica e una guerra segreta. Lo confermano le notizie riportate da più fonti, ma non confermate ufficialmente dai diretti interessati, di un’iniziativa congiunta franco-americana per fermare l’offensiva turca contro le città della Siria settentrionale controllate da milizie curde (YPG) e arabe. Un’iniziativa che conferma ancora una volta una crescente tendenza di Parigi a porsi come potenza geopolitica europea, ma dotata di una sua ‘autonomia strategica’ e che, del resto, si riflette nei numeri della recente Legge di programmazione militare 2019-2025, con una previsione di crescita costante della spesa militare nei prossimi anni. SINDACATO C’è da pensare che sui tagli ai servizi pubblici contro cui stanno scioperando i lavoratori francesi ci sia anche l’esigenza di reperire risorse per le ambizioni militari di Macron e dei settori dominanti della società francese che lo sostengono. Anche i lavoratori dell’intero comparto dei rifiuti scendono in campo e denunciano una vera e propria ‘dichiarazione di guerra’ dell’esecutivo nei loro confronti, dopo che alcuni impianti occupati dagli scioperanti hanno assistito all’arrivo di reparti della polizia in tenuta antisommossa. ECONOMIA Mentre la risposta cinese all’ultima ondata di dazi imposti da Trump non si fa attendere, alcuni economisti sottolineano che il mito di una Cina lanciata in un’inarrestabile cavalcata verso la supremazia economica nel mondo comincia a incrinarsi alla prova dei fatti. In particolare entra in crisi la tesi secondo cui la forza dei numeri per Pechino sarebbe una bronzea garanzia di successo. Il peso crescente della tecnologia e in particolare dell’intelligenza artificiale in campo economico potrebbe, al  contrario,rendere una popolazione di oltre un miliardo di persone una palla al piede più che un vantaggio. Questa almeno è la tesi di Kenneth Rogoff, docente di economia ad Harvard ed ex capo economista del FMI dal 2001 al 2003.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter030418: ferrovieri francesi sulle barricate

SINDACATO Iniziano oggi le 36 giornate di sciopero ‘due giorni su cinque’ che i sindacati dei ferrovieri francesi hanno proclamato contro il progetto di liberalizzazione delle ferrovie annunciato già in campagna elettorale da Macron. Una riforma che liberalizzerebbe il settore colpendo anche il trattamento normativo dei ferrovieri di SNCF. La mobilitazione che inizia oggi incrocerà anche quella dell’Air France e ed è caratterizzata da modalità innovative, frutto di un’intricata interessante discussione tattica all’interno dei sindacati dei ferrovieri francesi. La rassegna stampa che pubblichiamo rappresenta il nostro contributo a una materia che andrebbe approfondito anche all’interno dei sindacati italiani dei trasporti, tenendo conto, ovviamente, delle pesanti differenze normative. Segnaliamo anche il fondo di solidarietà coi ferrovieri francesi in sciopero promosso da una trentina di intellettuali francesi sul sito Leetchi e a cui invitiamo i nostri lettori a contribuire. ITALIA Sempre a proposito la ‘irruzione armata’ di cinque agenti francesi in un centro per migranti a Bardonecchia e gli accenti riservati all’episodio sia dalla politica che dai media, sembrano riflettere l’irritazione di una parte del potere politico-economico italiano nei confronti della grandeur di Macron e dei ripetuti sgarbi degli ultimi mesi nei confronti dell’Italia. Un fuoco che da tempo cova sotto la cenere e a cui i fatti di Bardonecchia sembrano aver semplicemente fornito l’occasione per manifestarsi apertamente. CINA Un’altra notizia che ha riempito le cronache dei giorni di Pasqua è stata la caduta della stazione spaziale cinese Tiangong-1. Un episodio forse sovrastimato, ma che ha avuto il merito di far emergere un tema interessante. La Cina infatti da tempo ha lanciato la sua sfida agli USA anche in ambito aerospaziale, suscitando, già all’epoca dell’amministrazione Obama, un fastidio crescente. CINEMA Nel bicentenario della nascita di Karl Marx il 5 aprile esce nelle sale italiane Il giovane Karl Marx, lungometraggio presentato l’anno scorso al Festival del Cinema di Berlino (il trailer e alcune recensioni).

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi