Newsletter150219: Lezioni dall’Abruzzo

POLITICA Il risultato elettorale abruzzese conferma le fibrillazioni del quadro politico nazionale e lascia aperto un interrogativo: se il M5S ha iniziato la sua parabola discendente e la crescita della Lega è, come sembra, una ‘bolla speculativa elettorale’, chi raccoglierà i cocci una volta che Salvini sarà esploso? Al momento non si intravvedono novità alternative né veterani in grado di riconquistare la scena. ECONOMIA Auto elettrica: per alcuni è il volano di un’economia sostenibile, per altri una spada di Damocle che minaccia milioni di posti di lavoro. Non potendo far girare la ruota della storia all’indietro il problema è, come sempre, con quale preparazione si arriva ai momenti di svolta. Per capire a cosa andiamo incontro, come ci arriva l’Italia e con quali insidie per centinaia di migliaia di lavoratori del settore intervistiamo Gianni Rinaldini, segretario generale della FIOM negli anni in cui Marchionne arrivò alla FIAT. SINISTRE Mentre la situazione venezuelana continua a precipitare il vento sembra spirare verso destra anche in Uruguay. La crisi del Frente Amplio aggiunge un ulteriore tassello al più generale declino della sinistra latino-americana. A dimostrazione che la crisi in Venezuela matura in un contesto più generale.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter120219: Sindacato unica opposizione, ma…

POLITICA&SINDACATO La manifestazione di sabato a Roma ha mostrato che il sindacato è l’unica potenziale forza di opposizione al Governo, ma allo stesso tempo ha lasciato intravvedere i punti deboli delle tre confederazioni e le incognite che si annidano sul loro percorso. Ora il primo problema per Landini e i suoi alleati sarà decidere come andare avanti se il Governo, com’è probabile, tirerà dritto lungo la propria strada. PUBBLICO IMPIEGO A quasi un anno dalle elezioni per il rinnovo delle rappresentanze sindacali nel pubblico impego l’ARAN ha pubblicato i dati relativi ai voti e alle adesioni raccolti dalle organizzazioni sindacali dei dipendenti pubblici. I dati fotografano una situazione abbastanza statica, con una sostanziale tenuta di CGIL CISL e UIL e i sindacati autonomi che soffiano al sindacalismo di base i pochi voti persi dalle tre maggiori confederazioni. SANREMO Le consuete polemiche del dopo Festival sono l’occasione per analizzare un fenomeno di costume indagando gli interessi materiali che si agitano dietro il sipario dell’Ariston. Anche il mercato discografico ha subito l’impatto della rivoluzione digitale ed è stato costretto a riorganizzarsi per rilanciare la redditività dei propri investimenti. La concorrenza tra grandi case discografiche e piccole etichette indipendenti, così come i conflitti tra imprese della distribuzione, si collocano in questo scenario, in cui le baruffe politiche di questi giorni sull’italianità del vincitore sono solo un fugace rumore di fondo.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter082019: GM investe sull’elettrico e licenzia

ECONOMIA Una certa narrazione che vede nell’industria 4.0, negli operai coi camici bianchi e nella cosiddetta green economy la soluzione a tutti i problemi in questi giorni si scontra con un’altra realtà: migliaia di dipendenti americani della General Motors, anche colletti bianchi con alte qualifiche, convocati a uno a uno negli uffici Risorse Umane per comunicare loro che non hanno più un lavoro e che dopo magari 20 di servizio l’azienda li liquiderà con 6 mesi di buonuscita. La ragione? GM sta procedendo a una riorganizzazione interna finalizzata alla produzione di auto elettriche. Un reportage da Detroit ci spiega l’atteggiamento del sindacato. MEDIA Gli Stati Uniti dell’America First! dove si chiudono le fabbriche di un’azienda al decimo posto di Fortune500 e che fa soldi a palate sono anche il paese in cui centinaia di migliaia di insegnanti scioperano e ottengono forti aumenti salariali, dove assistiamo a un revival della parola socialismo e può persino capitare che qualcuno si inventi una Netflix postcapitalista per la classe operaia. Naomi Burton, cofondatrice di Means TV, ci spiega il senso del progetto e come si inserisce nella società americana.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter050219: Tunisia in piazza contro il carovita

POLITICA In Tunisia i nodi irrisolti a 7 anni dalla cacciata di Ben Alì tornano al pettine. Migliaia di giovani scendono in piazza per protestare contro il Governo e il FMI e chiedere misure contro il carovita e la disoccupazione dilaganti. L’UGTT, la centrale sindacale tunisina, si conferma protagonista e unico punto di riferimento anche politico dell’opposizione dei manifestanti. Dopo uno sciopero generale a gennaio ne annuncia uno di 48 ore a febbraio e dice di essere pronta a influenzare le elezioni di novembre. Elezioni in vista delle quali la coalizione di governo tra islamisti ed ex seguaci di Ben Alì si sfalda. SINISTRE Anche in Spagna sono le elezioni di maggio, europee e amministrative, a spiegare un altro conflitto intestino, questa volta nell’apparato di Podemos, la ‘nuova’ sinistra spagnola, dilaniata dallo scontro tra Pablo Iglesias e Iñigo Errejon e disorientata dalla ‘svolta a sinistra’ dei socialisti. MARX200 Conclusosi l’anno del bicentenario della nascita di Marx ci sono ancora due iniziative, una in Cina e una a Londra, che concludono le celebrazioni scavallando il 31 dicembre e protraendosi nel 2019. E, almeno nel caso cinese, non si tratta solo di ‘celebrazioni’, ma di un’operazione politica difensiva che conferma le difficoltà interne di Xi Jinping. SINDACATO La denuncia del sindacato USB riguardo un’azienda del Comune di Genova scoperchia uno dei tanti paradossi di questa Italia: il Governo a fine anno ha annunciato l’arrivo di 900 milioni di euro nel capoluogo ligure per rilanciare una città scossa dal crollo di Ponte Morandi, ma nelle aziende partecipate del Comune mancano divise, personale e pezzi di ricambio per i mezzi.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter010219: per Salvini un campanello d’allarme

POLITICA I primi sintomi di crisi nel rapporto tra il governo a trazione leghista e pezzi di società che dovrebbero essere particolarmente cari ai giallo-verdi vengono a galla: dai segnali che arrivano da Castelnuovo di Porto, sede del CARA appena sgomberato alla manifestazione di Genova contro il DL sicurezza. Tra quelli che sembrano non gradire la Chiesa cattolica e i militari. SINDACATO Lo sciopero delle infermiere e delle ostetriche irlandesi per chiedere salari sufficienti a fermare la fuga del personale sanitario dalle corsie d’ospedale è iniziato, ha visto l’adesione di 35 delle 40mila lavoratrici interessate e, secondo un sondaggio, ha raccolto il sostegno del 74% degli irlandesi. Se il Governo non accetterà di riaprire la trattativa la prossima settimana ci sarà un nuovo sciopero, questa volta di 48 ore. STUDENTI Un bel reportage del settimanale tedesco Der Spiegel dalla Cina spiega l’ondata di attivismo studentesco che impensierisce Pechino e come il perno di questo attivismo siano i circoli universitari marxisti, come questi si siano coordinati tra loro e uniti alle lotte dei lavoratori cinesi nella regione di Shenzen, affrontando una dura repressione con arresti e intimidazioni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter290119: Venezuela, solo un golpe USA?

POLITICA Che dietro all’autoinvestitura di Guaidò a presidente del Venezuela ci sia lo zampino degli USA è evidente. E’ la logica conseguenza della dichiarazione di Lima, firmata ai primi dall’anno da 12 paesi americani sotto le pressioni di Washington, che chiedeva a Maduro di rinunciare alla carica e di indire nuove elezioni. Che si tratti solo di un golpe appoggiato da Trump è meno evidente. Anzi, la realtà è che il popolo venezuelano, che nel 2002 insorse di fronte all’arresto di Chavez per difendere i suoi programmi sociali oggi o è emigrato o sta a vedere o si è unito alle manifestazioni. Un’occasione per fare un bilancio realistico del chavismo e di quel modello di ‘socialismo latino americano’ che negli anni passati tanto ha appassionato una certa sinistra. SINDACATO Che CGIL è quella che esce dal congresso nazionale svoltosi la settimana scorsa a Bari con la nuova leadership di Maurizio Landini? E che CGIL eredita l’ex segretario della FIOM? Per capire che cosa succederà nei prossimi anni nel maggiore sindacato italiano occorre partire da queste due domande.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter250119: I lavoratori iraniani sfidano il Regime

DIRITTI Nelle ultime settimane la repressione contro sindacalisti e lavoratori in Iran diventa un caso nazionale e il coraggio di un sindacalista dello zuccherificio di Haft Tapeh e di una giovane attivista intervenuta a sostegno degli scioperi in quello stabilimento, entrambe arrestati e torturati, crea nervosismo e intimorisce il Regime. Il grado di debolezza di quest’ultimo sarà uno dei fattori chiave nel determinare la reazione di Tehran alla sfida lanciatale nei giorni scorsi da Israele in Siria. I lavoratori iraniani dunque costituiscono un fattore geopolitico. GEOPOLITICA Attorno all’Iran si gioca una buona parte della ‘nuova politica estera’ dell’amministrazione Trump, ma anche delle relazioni atlantiche e della stessa politica estera italiana, con un governo all’interno del quale Lega e M5S esprimono orientamenti confliggenti. Lo sdoganamento del TAP, ad esempio, sembra essere legato a una partita che riguarda gli interessi delle imprese italiane in Iran. LOTTE Dopo l’ondata di scioperi degli insegnanti che ha attraversato gli Stati americani governati dai Repubblicani, oggi a mobilitarsi per strappare un buon rinnovo contrattuale, ma anche per evitare la privatizzazione della scuola pubblica, sono i lavoratori del Distretto Scolastico di Los Angeles, nella democraticissima California. E vincono. RICORRENZE Successo di pubblico a Roma alla proiezione di Rosa L., con la presenza di Margarethe Von Trotta, per ricordare la figura della Luxemburg a 100 anni dal suo brutale assassinio. Anche se…

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter220119: Sudan in ebollizione

POLITICA Mentre infuria la polemica tra Italia e Francia sul ruolo coloniale di Parigi in Africa, nessuno si accorge di quanto sta succedendo in Sudan, dove da 40 anni regna un militare che all’Europa, Italia e Francia incluse, fa comodo tenere al suo posto. SINDACATO Dal 30 gennaio 40mila infermiere irlandesi entreranno in sciopero e si preannuncia una lotta dura, con altre 5 giornate di astensione dal lavoro entro la metà di febbraio. Denunciano paghe e condizioni di lavoro inaccettabili, che, nel paese con la sanità più liberalizzata d’Europa, stanno provocando una vera e propria fuga del personale dagli ospedali, mentre i pazienti trascorrono notti intere parcheggiati sulle barelle che si assiepano negli atri dei pronto soccorso. CINEMA Anche se i risultati del botteghino non sono esaltanti Hollywood continua a sfornare film di argomento politico, che riflettono le inquietudini dei liberal americani, lo choc post Trump, il ritorno della questione razziale. Una breve rassegna dei film politici in arrivo nel 2019 conferma questa tendenza.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter180119: God save… the Brexit

POLITICA Sembrava che il mondo stesse col fiato sospeso solo ad aspettare la manovra di bilancio italiana, ma oggi scopriamo che il centro del mondo si è spostato da Montecitorio a Westminster, dove in questi giorni si discute di Brexit. L’informazione sensazionalista è costretta a inventarsi ogni giorno una nuova emergenza, ogni settimana un avvenimento ‘storico’, ogni mese un pericolo epocale. Un’ottica che però estremamente difficile mettere decifrare uno scontro trasversale all’interno dell’establishment britannico, scontro dai confini incerti e in continuo movimento. In questo numero cominciamo a metterne fuoco alcuni aspetti. ECONOMIA L’intervento del Governo su Carige e i nuovi allarmi europei sulle banche italiane riportano alla ribalta la questione del credito. Un tema che può essere affrontato seriamente solo a partire da una visione complessiva di un settore messo sotto pressione dalla crisi del 2008, in forte mutamento anche a seguito del progresso tecnologico, in cui il ciclico emergere di ‘scandali’ al contrario fa parte di una tradizione consolidata e vecchia come la storia del capitalismo finanziario.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter150119: Roma-Parigi: su Fincantieri chi è più sovranista?

ECONOMIA L’UE indagherà sull’acquisizione di STX France da parte di Fincantieri. L’ultimo atto nella lunga guerra sotterranea tra Parigi e Roma per il controllo degli Chantiers de l’Atlantique e, parallelamente, per la supremazia nel campo dell’industria della Difesa, proietta un’altra luce sullo scontro politico in Europa alla vigilia delle elezioni. Europeisti moderati contro sovranisti reazionari o nazionalismo dei salotti buoni contro sovranismo plebeo? SOCIETA’ Il Macron che chiede a Bruxelles di risolvergli il problema STX con l’Italia è un Macron indebolito dagli scandali e dalle manifestazioni di piazza, non solo quelle dei gilet gialli, ma anche quelle dei poliziotti mandati in piazza a garantire l’ordine pubblico. Un particolare di cui la stampa italiana non si è accorta… POLITICA Mentre una sinistra in crisi d’identità, di cui l’assemblea antifascista de L’Espresso a Roma ha dato una rappresentazione plastica, si interroga sull’ascesa dell’estrema destra in Europa senza trovare risposte, il lavoro di alcuni ricercatori dell’Università di Pisa indica tra le ragioni di quell’ascesa la capacità di organizzazioni come Jobbik e CPI di intervenire con efficacia nelle contraddizioni sociali. La destra insomma si sviluppa negli spazi lasciati deserti dalla sinistra.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi