Newsletter070519: Alitalia, il piano Di Maio non convince

ECONOMIA In attesa che si chiarisca chi sarà il quarto socio della cordata promossa da Di Maio è utile chiarire anche i contorni dell’operazione e le sue prospettive dal punto di vista industriale. Il ministro dello sviluppo ha dichiarato che non sarò una nazionalizzazione old-style e in realtà sembra che si tratti del completamento della classica operazione di nazionalizzazione delle perdite e privatizzazione dei profitti già predisposta nella legislatura precedente, in cui i nuovi soci industriali Trenitalia e Delta non potranno fare profitti se non affondando ulteriormente la società. Le ‘letture di sinistra’ del piano non reggono alla prova dei fatti. POLITICA Il fatto che la destra estrema torni protagonista delle cronache politiche non è frutto solo di un movimento di opinione trainato dall’ascesa politica leghista e dal protagonismo di Salvini. La realtà è che in questi anni le organizzazioni neofasciste hanno saputo promuovere e consolidare un insediamento sociale minoritario ma reale, mentre la sinistra che ha deciso di liquidare il proprio trasformandosi in una galassia comitati elettorali sotto le sembianze di partiti e organizzazioni, capaci di risvegliarsi dal letargo solo in vista di elezioni e referendum.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter121018: Baviera-Assia, AfD in crescita?

EUROPA A pochi giorni dal voto in Baviera un esponente della Friedrich Ebert Stiftung, autorevole pensatoio della socialdemocrazia europea, delinea una tattica cinica per arginare l’avanzata della destra cosiddetta populista: per Michael Bröning i partiti tradizionali potrebbero mettersi a fare gli estremisti per recuperare consensi e riportarli nell’alveo delle politiche dominanti. Ma questa strategia potrebbe determinare la fine anticipata delle larghe intese e di conseguenza una situazione di instabilità. MEDIO ORIENTE Pare ormai accertato che il giornalista saudita emigrato negli USA Jamal Khashoggi sia stato ucciso da agenti sauditi nei locali del consolato di Ryad a Istanbul. Un caso che suscita scalpore e alimenta imbarazzo e che potrebbe diventare un nuovo caso Regeni, ma di portata ben più vasta nel risiko della politica medio-orientale, con conseguenze anche sulla strategia dell’amministrazione Trump, che tanto ha puntato sulle relazioni coi sauditi. Ma si tratta anche id un episodio che smaschera la retorica sul riformismo del nuovo leader a Ryad, il principe ereditario Mohamed bin Salman. ECONOMIA Un recente studio della Brookings Institution svela come mai negli USA alla crescita dei redditi delle famiglie americane non corrisponda una crescita delle retribuzioni. Una contraddizione che contribuisce in qualche misura anche a sfatare il mito della miracolosa ripresa americana dopo la crisi di 10 anni fa, di cui si alimentano i progressisti obamiani di casa nostra.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter140918 Perché Macron traballa

EUROPA Mentre siamo ormai già immersi nella campagna elettorale per le europee 2019 colui che si candida a capo del fronte europeista contro il ‘populismo’ dilagante, il presidente francese Macron, ha avuto un rientro dalle vacanze estive quanto meno problematico. Scandali, manovre di corridoio, ma soprattutto un’economia che rallenta lo trascinano su una rotta di collisione coi lavoratori e i sindacati francesi e forse le prospettive per lui non sono così rosee se, anche nel suo campo, arrivano le prime defezioni. Dall’altra parte della barricata cresce l’egemonia delle forze ‘populiste’, come abbiamo visto di recente in Germania a Chemnitz e con le elezioni in Svezia. Uno studio della Friedrich Ebert Stiftung tedesca osserva come uno dei tratti di questa egemonia sia la crescita dell’influenza dell’estrema destra anche tra le donne. AFRICA Se ne parla sempre più di frequente, ma in modo sempre più frammentario, confuso, spesso senza alcuna conoscenza del contesto e della storia di un continente il cui sfruttamento ha contribuito allo sviluppo del capitalismo europeo occidentale e che oggi, per una sorta di ‘nemesi storica’, all’Occidente presenta un conto da molti giudicato eccessivo o addirittura immotivato. PuntoCritico ne parla con Raffaele Masto, giornalista, saggista e collaboratore della rivista Africa e di Radio Popolare. SIRIA Si è tornati a parlare di Siria a proposito dell’incombente attacco delle forze governative di Assad, appoggiate da Russia e Iran, alla roccaforte sunnita di Idlib. Milioni di sfollati in questa provincia della Siria nordoccidentale rischiano di trovarsi preda delle contraddizioni tra Ankara, Mosca e Teheran, accantonate solo temporaneamente dopo che Erdogan ha rotto la tradizionale collaborazione tra Turchia e NATO. Ora quelle contraddizioni tornano a galla con conseguenze potenzialmente esplosive.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi