Newsletter240524: Germania-Francia: studenti e operai con l’elmetto?

MILITARISMO Mentre la Lega deposita un progetto di legge sulla reintroduzione della leva obbligatoria (che non verrà approvato ma nondimeno riflette l’atmosfera di “difesa della Patria”), anche Germania e Francia marciano a tappe forzate verso la militarizzazione della produzione e dell’istruzione scolastica e universitaria. Un articolo di Jacobin Germania riassume l’ingresso sempre più massiccio della Bundeswher nelle scuole tedesche dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Il sito di ispirazione libertaria AngryWorkers analizza la politica di riorientamento alla produzione bellica di Macron. Il primo con eccessiva illusione su un intervento politico-istituzionale, il secondo facendo correttamente appello a una mobilitazione dei lavoratori e degli studenti.

Newsletter210524: Da Kiev a Tel Aviv, la guerra a spese dei proletari

GUERRA A ricordarci che le guerre in atto oltre che conflitti tra paesi sono anche, forse soprattutto, conflitti tra classi dominanti e proletari dei paesi belligeranti ci sono due fiumane di persone che la guerra alimenta e ingrossa: il primo è quello dei disertori e dei renitenti alla leva ucraini che attraversano i confini dei paesi vicini per sottrarsi alla chiama alle armi, l’altro quello dei lavoratori indiani in viaggio verso una zona di guerra, Israele, per sostituire la forza-lavoro palestinese, col governo indiano che li mette in guardia dai pericoli ma non muove un dito per fermarli.

Newsletter170524: Vicenza, insegnanti pacifisti alla gogna

GUERRA&AFFARI Volano gli stracci a margine dell’Adunata degli Alpini di Vicenza. Dopo l’arrivo di Meloni e Crosetto, con penna nera d’ordinanza in testa, due esponenti di FdI e il Giornale di Vicenza, mettono alla gogna gli insegnanti che avevano criticato la chiusura delle scuole e l’invito a portare i gli studenti a una esposizione di armamenti (abbiamo un po’ indagato e ci è venuto il dubbio che non si tratti solo di uno scontro ideale). Dello stesso tema più in generale abbiamo parlato con Antonio Mazzeo dell’Osservatorio contro la militarizzazione della scuola e dell’università, reduce da una riuscita due giorni lo scorso weekend in contemporanea con l’Adunata vicentina.

Newsletter140524: Caso Toti, è il cestino che è marcio

POLITICA&AFFARI Un’interpretazione delle oltre 600 pagine dell’ordinanza della Procura di Genova che ha portato all’arresto tra gli altri del governatore Toti, dei terminalisti Aldo e Roberto Spinelli, dell’ex presidente dell’autorità portuale Signorini, del manager Esselunga Moncada, ma, invece di concentrarsi sulla corruzione dei singoli, tenta di analizzare la corruzione di un sistema economico e sociale in cui pochi si arricchiscono sfruttando il lavoro di molti. E di una politica in cui chi governa, al di sotto delle schermaglie elettorali, si prende in carico le clientele dei suoi avversari e persino gli avversari stessi.

Newsletter 100524: LAVORO Ma ora si muore a grappoli…

LAVORO L’ennesima strage sul lavoro, questa volta nel palermitano, individua ormai un trend: si muore a grappoli nell’indotto di grandi aziende, spesso gruppi nazionali e pubblici. AMAP aveva chiuso 2021 e 2022 con 14 milioni di utili l’anno. CAPITALISMO La transizione all’elettrico colpisce anche i produttori cinesi e le joint venture occidentali in Cina. Un articolo del China Labour Bulletin spiega come il sindacato prova a contrastarne gli effetti occupazionali in Germania e negli USA.

Newsletter070524: Adunata Alpini Vicenza, la protesta dei docenti

SCUOLA&GUERRA La chiusura delle scuole per due intere giornate in occasione dell’Adunata nazionale degli Alpini, che si terrà nel weekend a Vicenza, scatena la reazione degli insegnanti vicentini, soprattutto dopo la diffusione di un circolare che invita docenti e studenti a visitare l’esposizione di armi ed equipaggiamenti presso la “Cittadella degli Alpini”. Una petizione lanciata dagli insegnanti raccoglie oltre 800 firme. Venerdì e sabato a Roma un’iniziativa contro la militarizzazione delle scuole e delle università. PUNTOCRITICO Una bella recensione di Sandro Moiso su Carmilla online al nostro volume su Amazon. Venerdì la prima presentazione a Roma, presso la libreria Anomalia a San Lorenzo.

Newsletter300424: Lula, affiorano le prime crepe

POLITICA Un primo bilancio del governo Lula 3 fa emergere la continuità coi due precedenti mandati: sussidi ai poveri e investimenti coniugati con agevolazioni fiscali alle imprese e rigore di bilancio, in un patto con la destra e i poteri forti della società brasiliana, a cui non fanno eccezione neanche i militari complici nell’assalto ai palazzi del governo l’8 gennaio 2023. Oggi però l’economia cresce molto meno che negli anni dei primi governi Lula. SINDACATO Nella traduzione di Gianni Alioti da Labor Notes la storica vittoria dell’UAW nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, Tennessee, l’unico non ancora sindacalizzato negli USA.

Newsletter230424: Scienziati e imperialismo, un vecchio attualissimo tema…

POLITICA&SCIENZA L’università è attraversata dalle manifestazioni di studenti che chiedono di interrompere la collaborazione con le università israeliane. Prima ci eravamo imbattuti in scienziati come il fisico Carlo Rovelli, che hanno criticato l’atteggiamento dei governi italiani sull’Ucraina. Il tema del rapporto tra scienza, scienziati e imperialismo, come già in passato, potrebbe assumere un peso rilevante. Le vicende di Norbert Wiener, padre della cibernetica, critico del militarismo americano in piena Guerra Fredda, bersaglio del maccartismo e interlocutore del sindacato sui potenziali effetti sociali dell’automazione, possono essere d’ispirazione. LETTURE Un nuovo libro di Nello Cristianini sull’IA, Machina sapiens, si concentra sui modelli di linguaggio come Chat GPT e ci spiega perché gli “agenti intelligenti” possono sorprenderci.

Newsletter190424: Foreign Affairs conferma la “quasi pace” del marzo 2022

POLITICA In un articolo pubblicato martedì Foreign Affairs analizza i documenti della trattativa tra Ucraina e Russia nel marzo 2022 e conferma, pur con mille cautele, che il quadro per un accordo di pace tra le parti era pronto e che “non ha riscosso l’interesse della NATO”. Una clamorosa smentita della tesi secondo cui non c’era alternativa a continuare la guerra perché la Russia ha sempre rifiutato il negoziato. Ecco cosa dice Foreign Affairs. LOTTE La vertenza Tesla in Svezia prosegue: il sindacato conferma che sta ancora scioperando, sale la pressione dei fondi pensione scandinavi affinché si trovi una soluzione, mentre Musk annuncia 14.000 esuberi e liscia il pelo alla destra in vista di una sua ascesa negli USA e nel mondo.

Newsletter160424: La sinistra russa tra utili idioti, intellettuali e influencer

POLITICA A proposito delle recenti elezioni in Russia la stampa si è concentrata sullo scontro tra le due ali del neoliberalismo russo: quella filo-occidentale e quella di Putin. Ma in Russia esistono anche una “sinistra”, che fa l’utile idiota del regime putiniano (primo tra tutti il Partito comunista di Zyuganov) e una sinistra che invece prova a sfruttare i pochi spazi a disposizione, spesso solo virtuali, per resistere. Su Lefteast un’ampia panoramica della situazione pubblicata nell’immediata vigilia del voto. SINDACATO Un documento dell’FLC CGIL presentato la scorsa settimana analizza la rapida crescita delle università telematiche, sull’onda delle liberalizzazioni e, di recente, della pandemia, denunciandone i rischi latenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi