Newsletter301020: Economia&Covid tra un’ondata e l’altra…

ECONOMIA Le conseguenze drammatiche della “prima ondata” di pandemia nel mondo rischiano di impallidire di fronte a quelle che potrebbe avere la seconda. In questo numero analizziamo i costi del coronavirus nel 202o e le previsioni per i prossimi anni, la politica di aiuti messa in campo dall’UE e dal governo italiano e l’impatto che il covid-19 ha avuto finora sull’economia e sulla società italiana. Senza dimenticare che l’accantonamento del ”rigore di bilancio” è solo temporaneo e che il nostro paese esce dalla prima ondata con una ‘ripresa’ tra le più deboli in Europa e col rapporto debito/PIL quasi al 160%. POLITICA Una lettera alla politica romana e laziale, che potrebbe essere estesa alle altre regioni italiane, denuncia le responsabilità a vari livelli della politica nazionale, regionale e cittadina nell’attuale situazione dei pendolari, tra assembramenti e paura del contagio. La morale è che la politica di ogni colore sta trattando la salute pubblica, in particolare di chi è meno protetto, come lavoratori pendolari e studenti, come una variabile dipendente.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter140720: Autunno caldo?

SOCIETA’ Se in una certa sinistra evocare l’autunno caldo a luglio è tradizione consolidata, stavolta è un timore diffuso anche in ampie fasce delle classi dirigenti e degli stessi responsabili dell’ordine pubblico di alcuni grandi paesi europei. Gli effetti del covid, delle misure restrittive e della crisi economica stanno esacerbando gli animi, ma i dati scientifici dimostrano che in realtà la tendenza a un’intensificazione dello scontro sociale è in atto da 10 anni e che l’Europa la guida. Un fenomeno con una composizione e una fenomenologia che varia a seconda dei paesi. E in Italia? LAVORO Il mondo del lavoro potrebbe essere uno dei protagonisti di un’eventuale reazione sociale in autunno. Anche qui si registrano mutamenti in corso da anni che la pandemia ha contribuito ad accelerare. Come l’utilizzo del cosiddetto smart working. Cosa ne pensano i lavoratori e le aziende che lo hanno sperimentato in questi mesi e come si attrezza il sindacato? Ne parliamo con due lavoratori e delegati sindacali, anche utilizzando i risultati, ancora inediti, di una recente inchiesta.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter090218 +Europa: macronismo in salsa radicale

POLITICA Che cosa rappresenta Più Europa, il nuovo movimento lanciato da Emma Bonino, coinvolgendo personaggi ben lontani dalla tradizione radicale come il ministro Calenda e l’ex commissario alla spending review di Renzi, Carlo Cottarelli? A giudicare dai programmi, che abbiamo analizzato, il tentativo di candidarsi a fare sul serio molte delle cose che Renzi ha soltanto promesso, con un personale politico di ben maggiore autorevolezza rispetto all’entourage del segretario del PD, ormai sempre più in crisi di immagine, non soltanto nei confronti dell’elettorato, ma soprattutto dei settori di potere economico che nel 2014 avevano scommesso su di lui o, più prudentemente, avevano deciso di dargli almeno una chance. ECONOMIA I retroscena della vendita di Italo al fondo Global Infrastructure Partners e la notizia che il governo britannico potrebbe rinazionalizzare per la seconda volta la società che gestisce i collegamenti ferroviari tra Londra e la Scozia ci permettono di fare alcune riflessioni su una delle proposte contenute nel programma economico di Emma Bonino: le aziende e i servizi pubblici che operano dove c’è concorrenza devono essere privatizzati e liberalizzati a beneficio dei cittadini. SINDACATO In Germania i metalmeccanici, con un accordo storico, sono riusciti a strappare la riduzione dell’orario di lavoro da 35 a 28 ore settimanali? Leggendo il resoconto dettagliato fatto da Der Spiegel si direbbe che le cose non stiano proprio così, anche se l’accordo, visto dall’Italia, presenta alcuni aspetti interessanti. Sullo sfondo il compromesso tra sindacato e imprese, ‘azionisti di riferimento’ della nuova Grosse Koalition che governerà la Germania per altri 5 anni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi