Newsletter291119: India, il ‘populismo’ ignorato

POLITICA C’è un premier ‘populista’ che decide da un giorno all’altro di violare apertamente la propria Costituzione occupando militarmente un territorio sotto la propria giurisdizione e aizzando la propria base contro la minoranza religiosa musulmana. Si chiama Narendra Modi ed è il primo ministro indiano. Eppure, quando si evoca l’ascesa della destra nazionalista nel mondo, nessuno parla dell’India. ECONOMIA Che cos’è il MES, come funziona ed è davvero un fondo ‘salva-Stati’? In questa newsletter vi spieghiamo i contenuti di una riforma il cui testo è definitivo ormai da giugno e che da gennaio passerà al vaglio dei parlamenti nazionali per il voto di ratifica. Se l’opinione pubblica non è stata informata la responsabilità non è di Giuseppe Conte, ma della maggioranza giallo-verde e dell’opposizione, che hanno tenuto la discussione in sordina per un anno e mezzo.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter100519: classe media in crisi

SOCIETA’ Un recente rapporto dell’OCSE sul declino della classe media ha suscitato una certa eco anche in una parte dell’establishment politico-economico nazionale. Sia il Sole24Ore sia Avvenire hanno dedicato spazio a un fenomeno sociale con evidenti conseguenze politiche, che nelle democrazie occidentali è tra le cause dell’ascesa del cosiddetto populismo. Ma il concetto di classe media, definito semplicemente in base all’appartenenza a una fascia di reddito, è sufficiente a comprendere quel declino e gli effetti che esso dispiega sulla coscienza politica di massa? ECONOMIA Oggi Uber approda a Wall Street e due giorni fa si è svolta la prima giornata internazionale di mobilitazione degli autisti di Uber (e di Lyft) per chiedere paghe e condizioni di lavoro migliori. A muoversi in realtà sono stati solo alcune centinaia di lavoratori in diverse città della Gran Bretagna e degli USA. Ma il ghiaccio si è rotto e, soprattutto, il colpo all’immagine della società in un momento così delicato potrebbe fare effetto. SINDACATO In Irlanda, col referendum del 2 maggio, le infermiere e le ostetriche irlandesi confermano l’accordo raggiunto dal sindacato col Governo grazie alla mediazione della Labour Court e chiudono una stagione di scioperi iniziata a gennaio. Il risultati tuttavia è più basso del previsto.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter230318: Datagate, un mondo che cambia

SOCIETA’ Il Datagate, lo scandalo che sta investendo Facebook, rappresenta una preziosa opportunità per riflettere su come la digitalizzazione e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale al servizio del Potere politico-economico rappresentino una sfida globale per l’umanità, ma in particolare per il mondo del lavoro e quelle che una volta chiamavamo le classi subalterne. Ma guardare alla punta dell’iceberg senza tenere presente che il vero problema si nasconde sotto il pelo dell’acqua significa fare un cattivo servizio all’informazione. E può portare da una parte ad attribuire alla tecnologia responsabilità che sono soltanto umane, o – se vogliamo – del nostro modello di organizzazione sociale, dall’altra a sopravvalutare gli effetti più superficiali dell’innovazione tecnologica, ignorando quelli più pericolosi. Mentre sarebbe importante riflettere su eventuali strategie difensive.  POLITICA Dall’America ci arriva anche una sollecitazione ad analizzare con la stessa attenzione, evitando schematismi controproducenti, il fenomeno del populismo. Jan-Werner Mueller, docente a Princeton e autore di un saggio sull’argomento che uscirà a maggio in Italia, respinge l’idea che la crescita del populismo sia l’effetto di un deficit culturale degli elettori. Un’idea che va di pari passo con quella che americani e britannici abbiano scelto Trump e la Brexit a causa di qualche milione di post su Facebook. Nell’establishment americano maturano analisi un po’ più serie di quelle che abbiamo ascoltato qui da noi nelle ultime settimane.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi