Newsletter070619: FCA perde il tram Renault

ECONOMIA mentre ci si incammina verso l’era dell’auto elettrica FIAT-FCA rimane fuori dal processo di aggregazione delle grandi case automobilistiche, per di più senza aver investito un quattrino in ricerca per prepararsi alla rivoluzione che attraverserà il settore. Di Maio reagisce col più classico principio dei liberali – laissez faire, lasciamo fare il mercato, insomma cedendo il ruolo dei ‘sovranisti’ a francesi e giapponesi. SUDAN Uno sciopero generale, una nuova ondata di repressione da parte del consiglio di transizione militare e la rottura degli accordi presi tra questo e l’opposizione determinano una nuova escalation di violenze e confermano che difficilmente la transizione in Sudan sarà pacifica e di breve durata. CINA Per comprendere situazioni come quella sudanese bisogna tenere presente che in Africa ai fattori locali si sommano sempre interferenze esterne. La Cina è una delle potenze mondiali più attive allo stesso tempo meno appariscenti nel teatro africano. Ne parliamo con Simone Pieranni, redattore de Il Manifesto e profondo conoscitore del colosso cinese.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter310519: il partito delle ZTL non fermerà la destra

POLITICA Scavando nei numeri del risultato elettorale italiano emerge quanto la netta affermazione di Salvini e della destra reazionaria sia allo stesso tempo fragile e contraddittoria. Non significa che bisogna prendere il pericolo sottogamba, ma piuttosto che bisogna affrontarlo in termini strategici, cercando innanzitutto di capire in nome di chi e di che cosa affrontarlo. E soprattutto evitando di cadere preda degli incubi e delle conseguenti illusioni: non sarà il partito della upper class urbana, che combatte il ‘sovranismo’ in nome del ‘libero mercato’ e dei tagli alla spesa pubblica, a estirparlo. ECONOMIA Il litio sta diventando una risorsa strategica per il ruolo che gioca nel mercato dell’informatica e della telefonia e per quello che giocherà ancor più con l’avvento dell’auto elettrica, così da far parlare di ‘geopolitica del litio’. Ma allo stesso tempo porta a galla una delle tante contraddizioni della green economy: dovrebbe contribuire ad abbattere le emissioni di CO2 nel mondo, ma, sotto la spinta del mercato, rischia di innescare una crisi idrica e sociale nelle regioni in cui viene estratto. A conferma che il problema centrale per l’umanità non è cambiare il modo in cui si produce l’energia, ma cambiare innanzitutto la società per cui la si produce.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter150219: Lezioni dall’Abruzzo

POLITICA Il risultato elettorale abruzzese conferma le fibrillazioni del quadro politico nazionale e lascia aperto un interrogativo: se il M5S ha iniziato la sua parabola discendente e la crescita della Lega è, come sembra, una ‘bolla speculativa elettorale’, chi raccoglierà i cocci una volta che Salvini sarà esploso? Al momento non si intravvedono novità alternative né veterani in grado di riconquistare la scena. ECONOMIA Auto elettrica: per alcuni è il volano di un’economia sostenibile, per altri una spada di Damocle che minaccia milioni di posti di lavoro. Non potendo far girare la ruota della storia all’indietro il problema è, come sempre, con quale preparazione si arriva ai momenti di svolta. Per capire a cosa andiamo incontro, come ci arriva l’Italia e con quali insidie per centinaia di migliaia di lavoratori del settore intervistiamo Gianni Rinaldini, segretario generale della FIOM negli anni in cui Marchionne arrivò alla FIAT. SINISTRE Mentre la situazione venezuelana continua a precipitare il vento sembra spirare verso destra anche in Uruguay. La crisi del Frente Amplio aggiunge un ulteriore tassello al più generale declino della sinistra latino-americana. A dimostrazione che la crisi in Venezuela matura in un contesto più generale.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi