Newsletter290319: perché la Cina ha bisogno dell’Europa

POLITICA La visita del presidente cinese Xi Jinping in Italia e la firma di un accordo commerciale tra Roma e Pechino hanno sollevato le rimostranze e gli ammonimenti sia degli USA che di Bruxelles, preoccupata delle possibili conseguenze della fuga in avanti del governo italiano, che ha detto sì per primo al progetto della ‘Nuova Via della Seta’. Ma di che cosa si tratta e soprattutto quali sono le ragioni materiali che hanno spinto Pechino a intraprendere quest’avventura? E dobbiamo pensare che la crescita economica cinese continui come nei decenni passati e faccia di Pechino il ‘numero 1’ del capitalismo mondiale del futuro? ECONOMIA Mercoledì un altro Boeing  737 Max 8 della compagnia americana Southwest, in volo senza passeggeri (a causa del divieto entrato in vigore dopo il recente disastro di Addis Abeba), è stato costretto a compiere un atterraggio di emergenza. Le inchieste avviate in tutto il mondo dopo i due gravissimi incidenti che hanno ucciso oltre 300 persone stanno scoperchiando una vicenda in cui emergono le conseguenze della competizione mondiale tra grandi produttori di aerei sulla sicurezza dei passeggeri.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter130318: Dietro la guerra dei dazi

ECONOMIA L’introduzione di nuovi dazi da parte dell’Amministrazione Trump non è semplicemente l’ultima trovata del vulcanico presidente degli USA, ma il frutto di un’evoluzione dell’approccio geopolitico americano che ha radici negli strati più profondi del sistema di potere USA e che parte da prima dell’avvento di Trump. L’obiettivo primario non è più il ‘terrorismo’, ma il colosso cinese. POLITICA A dieci giorni dal 4 marzo presentiamo una nostra analisi ed elaborazione dei risultati elettorali relativa all’evoluzione dell’astensionismo e della distribuzione dei consensi tra le principali aggregazioni politiche dal 2006 a oggi. In un quadro in cui però il voto diventa sempre più il modo per esprimere uno stato d’animo piuttosto che un’appartenenza. Tra gli aspetti che balzano agli occhi con più evidenza c’è il tracollo della sinistra, perfino più pronunciato rispetto a quello del centrosinistra e del suo maggiore partito, il PD. Un tema di cui in questo numero discutiamo con Jacopo Venier, una lunga militanza politica a sinistra alle spalle, che lo ha portato per molti anni nella segreteria nazionale del PDCI e per un breve periodo anche in Parlamento. LETTURE In un periodo in cui si parla tanto, spesso a sproposito, di fascismo, il nuovo libro di Enzo Traverso, storico e docente alla Cornell University (New York), un dialogo con Régis Meyram, antropologo e ricercatore all’Università di Sophie Antipolis (Nizza), descrive l’emergere di un nuovo fenomeno, che Traverso chiama ‘postfascismo’, sviluppatosi nel vuoto lasciato dai movimenti di massa del ‘900 e prende le distanze da chi usa a piene mani e impropriamente termini come ‘fascismo’ e ‘populismo’, trasformandoli da mezzi per comprendere e definire la realtà in mere ‘suggestioni’ propagandistiche.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter270218: Xi Jinping imperatore, Cina più instabile?

INTERNAZIONALE Il Partito Comunista Cinese rompe con una tradizione quarantennale e consegna all’attuale presidente Xi Jinping la possibilità di governare senza più limiti di mandato. Xi diventa in questo modo il dirigente comunista cinese più potente in Cina dall’epoca di Mao, ma più potente persino del ‘Grande timoniere’ sul piano internazionale, se pensiamo a quanto conta la Cina attuale nel mondo rispetto a quella di 60 anni fa. Come cerchiamo di spiegare non si tratta di un avvenimento lontano quanto sembra, ma di un fatto che potrebbe condizionare il futuro di un paese, le cui aziende controllano anche asset strategici, a partire dal settore energetico, dell’economia italiana. ITALIA Abbiamo voluto divertirci un po’, ma non troppo, passando in rassegna gli spot elettorali prodotti dalle maggiori forze politiche in vista del 4 marzo. Uno sguardo semiserio che permette tuttavia di trarre conclusioni molto serie sulla politica italiana e anche, forse, di fare qualche previsione sullo stato di salute dei diversi partiti in questa tornata elettorale. TEATRO A 200 anni dalla nascita di Karl Marx gli allievi attori del Teatro di Roma scrivono e recitano le loro ‘Favole marxiane’, in preparazione di una trasposizione teatrale de Il Capitale attesa a giugno. Un gruppo di giovani autori/attori nati dopo l’89 a confronto con un’opera che loro definiscono un ‘monumento al pensiero ’ scientifico utile all’oggi ma ancor più per il domani.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi