Newsletter091018: Brasile, Bolsonaro vince ma è debole

POLITICA Nei giorni in cui in molti ci spiegano che l’Italia non può ignorare le indicazioni dei mercati quegli stessi mercati festeggiano la vittoria al primo turno delle elezioni brasiliane di Jair Bolsonaro, un reazionario nostalgico della dittatura militare, uno che sostiene che le donne devono guadagnare meno perché rimangono incinte e che i suoi figli non sono diventati gay perché hano avuto una buona educazione. Centinaia di migliaia di donne scese in piazza al grido di ‘Ele não’ (Lui no) hanno indicato il terreno su cui Bolsonaro è battibile, mentre il sindacato ha scelto la strada (perdente) del sostegno elettorale al candidato del PT. Del resto i numeri indicano che Bolsonaro, forte nelle urne, è debole nella società. SINDACATO Negli USA i lavoratori della UPS, il colosso delle consegne pacchi, infliggono una sonora sconfitta ai Teamster, lo storico sindacato dei camionisti del leggendario Jimmy Hoffa. Giovedì hanno bocciato il rinnovo contrattuale siglato nei giorni precedenti e che prevede l’introduzione di salari diversi per lavoratori che svolgono le stesse mansioni. SICUREZZA L’Olanda ha espulso 4 cittadini russi sorpresi in attività di spionaggio. Un articolo di Wired rivela come i 4 agenti dei servizi segreti militari utilizzassero anche semplici prodotti in commercio nei negozi di elettronica per inserirsi nelle reti wi-fi di hotel e uffici e spiare i propri bersagli. I congegni supertecnologici dei film di James Bond ormai non sembrano essere più necessari. Al contempo la diffusione dell’elettronica ci rende tutti più vulnerabili e potenziali intrusioni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter100418: Lula, una vittima?

BRASILE In Italia un fronte ampio e trasversale scende in campo e in alcuni casi in piazza a sostegno dell’ex presidente del Brasile Lula, da pochi giorni in carcere per le note vicende di corruzione di cui è stato accusato nella Mani Pulite brasiliana. Le accuse su cui si basa la magistratura destano dubbi e l’accanimento nei confronti di Lula è evidente. Ciò non rimuove il fatto che gli anni di Lula e del PT siano stati notoriamente caratterizzati da una corruzione dilagante. Lula ha dovuto ammettere che i voti alle sue leggi venivano comprati pagando lauti mensili a parlamentari di ogni colore politico. Ma più del giudizio penale pesa il giudizio politico su una stagione che ha segnato non solo il Brasile ma l’intera America Latina e che sembra chiudersi per via giudiziaria. SOCIETA’ Mentre pare che dilaghino i partiti post-ideologici e il superamento di vecchie categorie sia all’ordine del giorno, le ricerche dei sociologi riesumano la società divisa in classi e persino la lotta di classe. Le contraddizioni che si apriranno nei prossimi mesi nella situazione politica italiana potrebbero essere l’occasione per ritornare su giudizi affrettati e ragionare in termini più scientifici sull’evoluzione di politica e società. PALESTINA Il massacro di civili inermi ai confini di Gaza segna un probabile cambio di strategia di Hamas, ma anche un’impreparazione del governo di Israele a rispondere fuori da uno schema basato sulla pura forza. Se questo aprirà contraddizioni nella società israeliana è da vedersi, ma qualche segnale in tal senso comincia ad affiorare.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi