Newsletter131118 Europa: Visegrad ai raggi X

POLITICA Che cos’è il famigerato gruppo dei paesi di Visegrad e soprattutto è vera l’immagine diffusa dai media di un covo di nazionalisti autarchici e acerrimi nemici del liberalismo? O invece si tratta di governi coraggiosi che difendono i propri concittadini dall’occhiuta burocrazia di Bruxelles e dalle mire rapaci delle multinazionali? Se analizziamo i principali indicatori economici e sociali ne viene fuori un’immagine completamente diversa da quella dipinta dalle opposte propagande. Ed è proprio quello che abbiamo fatto. ATAC Il referendum di domenica sulla liberalizzazione dei trasporti a Roma ha fallito il quorum, come era scontato, e ha confermato una geografia politica in cui a votare e a sostenere l’iniziativa dei radicali sono stati soprattutto i quartieri bene del centro. Tuttavia si tratta dell’inizio e non della fine di una battaglia che i radicali hanno deciso di condurre in una città in cui il degrado e i disservizi raggiungono livelli drammatici. Il pericolo che si cerchi di indirizzare la legittima rabbia dei cittadini contro i lavoratori è concreto e richiederebbe una tattica sindacale che in realtà manca totalmente. SINDACATO La surreale vicenda di una lavoratrice licenziata da un’azienda partecipata del Comune di La Spezia, in Liguria, rivela un sistema di potere in cui i confini tra politica, aziende pubbliche e burocrazia sindacale sono talmente sottili da diventare indistinguibili.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

PRIMO PIANO Fassina: ‘Privatizzare ATAC aggraverebbe problemi’

A Stefano Fassina abbiamo chiesto di spiegarci perché si è schierato contro la privatizzazione e come pensa che vadano affrontati i problemi dell’ATAC. Fassina nei giorni scorsi ha chiesto alla sindaca Raggi la convocazione di un consiglio comunale tematico proprio sul dossier ATAC (comunicato)

Stefano, puoi spiegarci perché avete fondato ATAC Bene Comune e quali sono le ragioni di questa battaglia?

Le condizioni del trasporto pubblico locale (TPL) a Roma, ma anche nella Regione e nell’area metropolitana sono insostenibili e vanno radicalmente migliorate. Il trasporto pubblico locale va gestito da aziende pubbliche, non per ragioni ideologiche, ma per solide ragioni economiche. Infatti, affidarlo ai privati comporta aumenti delle tariffe, minori investimenti, peggioramento del servizio e delle condizioni di lavoro. A Roma, il 20% del TPL è già in gestione privata con risultati disastrosi. ATAC, la municipalizzata dei trasporti di Roma, è in gravi difficoltà principalmente per ragioni strutturali di sistema, non soltanto per mala gestione. Il referendum radicale punta a cavalcare il sacrosanto malcontento dei cittadini, ma la soluzione proposta aggraverebbe i problemi. E’proprio partendo da questa considerazione che siamo contrari alla liberalizzazione/privatizzazione del TPL e al contestuale fallimento di ATAC con relativi debiti scaricati sui cittadini. Il nostro NO è finalizzato a risolvere i problemi strutturali del TPL. Abbiamo costituito Atac Bene Comune e, insieme agli altri comitati costituiti e in via di costituzione, facciamo una battaglia per la riorganizzazione del TPL, non per conservare lo status quo. Prevediamo iniziative comuni già per il mese di maggio.

Leggi tuttoPRIMO PIANO Fassina: ‘Privatizzare ATAC aggraverebbe problemi’

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi