Newsletter220618: Yemen, verso la crisi umanitaria

GEOPOLITICA Ci sono guerre da prima pagina e guerre da trafiletto. Il conflitto nello Yemen, in corso dal 2015, sembra essere stato relegato in questa seconda categoria. In questi giorni lo scontro intorno al porto di Hudaida tra gli huthi sostenuti dall’Iran e la coalizione a guida saudita, appoggiata dagli USA (e da alcuni paesi europei tra cui la Francia) rischia di far precipitare una crisi umanitaria di proporzioni colossali. Sono 8 milioni gli yemeniti che rischiano la fame se uno dei maggiori terminali degli aiuti umanitari provenienti dall’estero viene chiuso. LAVORO Il superministro dell’Economia e del Lavoro Di Maio ha deciso di dare il primo segnale di cambiamento cominciando dalla questione dei riders, i fattorini a due ruote che consegnano cibo alle dipendenze di gruppi internazionali come Foodora e Deliveroo. Ma la questione appare più complicata di quanto il capo politico dei CinqueStelle probabilmente pensava. Le aziende minacciano di andarsene dall’Italia e di lasciare i riders… a piedi, mentre si percepisce un certo disagio tra i lavoratori di fronte prima all’iniziativa estemporanea del ministro, poi al rapido dietro front seguito all’intervista dell’AD di Foodora Cocco: ora il MISE accantonerebbe il Decreto Dignità di Di Maio per lasciare spazio a una trattativa tra imprese e lavoratori. Nell’intervista che gli abbiamo fatto Riccardo Lajolo, rider di Foodora, spiega la posizione dei lavoratori torinesi e pone un problema di rappresentanza sindacale. In un settore con un tasso di dì sindacalizzazione ridicolo chi andrebbe al tavolo di trattativa? SCIENZE Nei giorni scorsi la IBM ha presentato Project Debater, il primo robot in grado di dibattere con un essere umano. L’incrociarsi tra questa tendenza a far sì che le macchine imitino l’uomo e quella dell’uomo ad adottare procedimenti decisionali tipici delle macchine potrebbe avere conseguenze su cui vale la pena di riflettere.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

PRIMOPIANO R. Lajolo: ‘I riders vogliono un tavolo di trattativa’

Il tribunale di Torino la settimana scorsa ha respinto l’azione legale di sei ex riders di Foodora, la piattaforma per la consegna di cibo a domicilio, che avevano impugnato il licenziamento e chiesto il riconoscimento dello status di dipendenti. Il giudice ha respinto la richiesta con una sentenza di cui si attende che vengano depositate le motivazioni (Corriere120418, LaStampa110418). I legali dei sei riders hanno annunciato che presenteranno ricorso. Foodora, una delle maggiori piattaforme di food deliverance, opera in una decina di paesi. In Italia è arrivata qualche anno fa, spartendo da Milano e da Torino, a cui in seguito si sono aggiunte Roma, Bologna, Firenze e Verona. Nel 2016 l’azienda salì all’onore delle cronache dopo che i riders torinesi avevano bloccato il servizio per protestare contro l’introduzione del cottimo al posto della retribuzione oraria.  Domenica a Bologna più di 100 riders da tutta Italia si sono riuniti per fare il punto della situazione e decidere come portare avanti le proprie ragioni dopo la sentenza negativa di Torino (Manifesto170418, FattoQuotidiano160418). Il giorno dopo una trentina di lavoratori hanno occupato la sede milanese di Deliveroo e sono stati respinti dagli addetti alla sicurezza (video sulla pagina FB di DeliveranceProject). Dopo le prime lotte nel 2016 i riders si sono organizzati su base cittadina –  nuclei più forti sono a Torino, Milano e Bologna – cercando al contempo di coordinarsi a livello nazionale. Per informazioni sulle loro attività si possono consultare le pagine FB DeliveranceProject (Torino), DeliveranceMilano e UnionRiders Bologna. Per chiedere una valutazione delle ultime vicende e qualche anticipazione sulle prossime scadenze abbiamo intervistato Ricardo Lajolo, rider torinese di Foodora che ha preso parte all’incontro a Bologna ed è stato uno dei primi organizzatori del movimento dei lavoratori in questo settore.

Leggi tuttoPRIMOPIANO R. Lajolo: ‘I riders vogliono un tavolo di trattativa’

Newsletter200418: FMI, altro che ripresa economica…

ECONOMIA La pubblicazione dell’ultimo World Economic Outlook a cura degli economisti del Fondo Monetario Internazionale in Italia è stata occasione semplicemente per osservare che la nostra economia non è poi messa così male, ma che rimaniamo comunque il fanalino di coda tra i paesi dell’Unione Europea. In realtà un documento così importante meriterebbe una lettura più attenta. Se ne ricaverebbero alcune informazioni interessanti e soprattutto una argomentata smentita dell’ottimismo dei nostri politici in materia economica. L’idea che siamo quasi fuori dal tunnel e che nei prossimi anni raccoglieremo i frutti dei sacrifici fatti ultimamente è smentita dagli analisti del FMI, che prevedono, al contrario, un rallentamento della crescita globale, la possibilità di nuovi shock finanziari e una nuova ondata di misure di deregulation e compressione dei redditi da lavoro. PRECARI Secondo il FMI l’economia dei ‘lavoretti’ è destinata a crescere, anche a causa delle progressiva deindustrializzazione delle economie avanzate. Proprio su questo fronte nei giorni scorsi in Italia si sono registrate alcune novità. La settimana scorsa il Tribunale di Torino ha respinto il ricorso di sei lavoratori di Foodora contro il licenziamento; domenica a Bologna più di cento lavoratori del settore si sono riuniti e il giorno dopo una trentina ha occupato la sede milanese di Deliveroo. Per fare il punto della situazione abbiamo intervistato Ricardo Lajolo, fattorino di Foodora e tra i primi organizzatori dei riders italiani. SINDACATO L’intervista con Lajolo solleva alcuni problemi di strategia fisiologici per un settore in cui è da pochissimo che i lavoratori hanno iniziato a organizzarsi. Ma le necessità di fare un bilancio delle lotte per affinare la propria strategia tocca anche settori con una lunga tradizione alle spalle. E’ il caso dei lavoratori della scuola americana, che da mesi stanno dando vita a una straordinaria mobilitazione. Il sito Jacobin questa settimana ospita un interessante confronto tra due esponenti del movimento sindacale americano, che provano a fare un bilancio e a trarre alcune lezioni dagli scioperi dei mesi scorsi. Un tipo di dibattito di cui qui d noi si sente la mancanza.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi