Newsletter190618: Migranti, per la politica un mercato da regolare

ITALIA Il neoministro degli Interni Salvini non fa che portare avanti strombazzando una politica che i governi almeno degli ultimi dieci anni hanno disegnato e applicato alla chetichella, una politica basata su uno scambio tanto chiaro quanto cinico: noi paghiamo chi governa la Libia per bloccare le partenze e non indaghiamo sul come. Un atteggiamento che ha alle spalle una realtà di cui bisognerebbe prendere atto: il traffico di esseri umani è un’attività economica redditizia, pienamente integrata nel mercato mondiale (e non solo in quello illegale, a dirlo è l’OCSE) e che qualcuno si illude (o fa finta per opportunità politica) di poter regolare. Ce lo conferma anche l’intervista con Giulia Crescini, dell’ASGI, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, che sottolinea come per l’Europa il controllo dei flussi sia diventato la chiave per andare in Africa e portare avanti interessi puramente economici. EUROPA Il tema dell’immigrazione è sempre più anche la cartina di tornasole delle contraddizioni del processo di unificazione del capitalismo europeo. In questo senso Salvini viene rafforzato dalla crisi attraversata dalle leadership francese e tedesca. Macron interviene in modo scomposto, pressato dalle critiche al suo iniziale silenzio, criticando l’Italia sulla vicenda Aquarius, ma alla fine è costretto a ritrattare, finendo per apparire debole persino a confronto di un premier come Conte. Merkel viene inghiottita in uno scontro sui migranti col suo Ministro degli Interni e capo della CSU bavarese, Horst Seehofer, da cui dovrebbe uscire attraverso una ‘soluzione europea’ al problema migratorio a cui non crede neanche lei. MONDO L’accordo raggiunto una settimana fa da Trump e Kim a Singapore lascia le cose come stanno ma accontenta tutti, perché entrambe possono dire di avere vinto sapendo in cuor loro almeno di non avere perso. Pubblichiamo il succinto testo della ‘Dichiarazione congiunta’ e un commento. GENOVA L’edizione 2018 del Pride nel capoluogo ligure assume un significato particolare per la partecipazione particolarmente alta, che appare anche frutto della polarizzazione politica in atto. Come ci confermano anche gli organizzatori, nel vuoto lasciato dalla sinistra in molti, anche giovanissimi, usano le occasioni a disposizione per manifestare contro la destra, che governa l’Italia da qualche settimana ma la Liguria e Genova ormai da qualche anno.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter150618: ILVA, il modello Ruhr di Grillo è il ritorno all’800

ILVA La prima gigantesca gatta da pelare per il superministro dell’Economia e del Lavoro Luigi Di Maio si chiama ILVA. Nei giorni scorsi il suo ‘garante’ Beppe Grillo ha pubblicato un post sul suo blog ormai personale spiegando che la posizione ufficiale del Movimento non è chiudere l’ILVA, ma ‘riconvertirla’. E ha citato la Ruhr, la regione tedesca del carbone e dell’acciaio, come esempio di riconversione industriale di successo, con cui si è bonificato ili territorio senza penalizzare lo sviluppo economico né l’occupazione. Un quadro idilliaco che però appare smentito dai fatti. Il Nordrhein-Westfal è uno dei Länder più poveri della Germania e, se è vero da una parte che la riconversione ha creato occupazione in settori molto qualificati, è altrettanto vero che si tratta di posti di lavoro precari e sottopagati e che al contempo c’è un pezzo di società, in particolare lavoratori di mezza età con basse qualifiche, per cui la prospettiva è quella di vivere di sussidi statali andando a mangiare in una mensa per poveri.

per continuare la lettura clicca qui.

Newsletter120618: Giordania in sciopero contro carovita

MOBILITAZIONI La Giordania è attraversata da un’ondata di scioperi e manifestazioni inedite in un paese che è considerato tra i più stabili dell’area. Ad accendere le polveri è stata una riforma del fisco che, diminuendo le soglie di esenzione, colpirà gli strati superiori del lavoro dipendente e l’aumento dei prezzi di generi di consumo come pane e carburante, conseguenze di un prestito del FMI col relativo piano di ristrutturazione economica collegato. Trentatrè organizzazioni sindacali e associazioni professionali e un gruppo giovanile sono scesi in piazza chiedendo le dimissioni del Governo, del Parlamento e dello stesso re Abdullah II, che è stato costretto a rimuovere il Primo Ministro e a sostituirlo. Una situazione che suscita preoccupazioni nelle monarchie del Golfo, visto il ruolo che il regno hascemita gioca nella regione e la forte presenza di profughi palestinesi al suo interno in un momento di grande tensione nello scacchiere medio-orientale. ITALIA La politica della nuova coalizione giallo-verde sarà soprattutto la diretta conseguenza degli interessi sociali che i due partiti di governo, M5S e Lega, rappresentano nell’arena politica italiana. La nostra analisi della composizione sociale degli eletti nelle liste delle due forze politiche conferma la vocazione di entrambe a rappresentare l’ipertrofica classe media italiana travolta dalla globalizzazione e impaurita. PERSONAGGI Giuliano Cazzola. Chi era costui? Tra i maggiori critici del nuovo governo e nominato dalla tv supermegaesperto di pensioni, forse non tutti conoscono la lunga e ‘multiforme’ carriera di un uomo che è passato con nonchalance dalla CGIL al PSI a Berlusconi, da Berlusconi a Monti, da Monti ad Alfano, da acerrimo nemico di Mattarella a suo tifoso sfegatato, da difensore dei conti dell’INPS a suo allegro inquilino. ESTERI Mentre inizia lo storico (?) incontro tra Trump e Kim il presidente degli Stati Uniti si lascia alle spalle un G7 che lo ha visto nel ruolo del rottamatore, esponendolo a critiche sempre più furenti di un settore dell’establishment americano. Gli avversari interni di Trump cercano sempre più sfacciatamente sponda aldilà dell’Atlantico, mentre di solito siamo abituati al contrario. E’ il sintomo di una crisi senza precedenti della superpotenza.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter080618: Il renziano Serra punta sulla crisi

ECONOMIA Davide Serra, noto come finanziere ma soprattutto come sponsor di Matteo Renzi, qualche giorno fa ha lanciato un nuovo fondo di investimento che scommetterà su un nuovo collasso dei mercati. Ci sono avvisaglie – spiega Alberto Gallo, gestore del fondo, al Financial Times – che evocano una nuova ondata di panico finanziario e ovviamente c’è chi ‘pensa a proteggersi dal panico’ (tradotto: punta su questa eventualità per trarne profitto). Si tratta soltanto di un’operazione speculativa oppure di un’iniziativa che utilizza il cannone del capitale per esercitare una pressione anche politica sui governi? SCIENZA Il contrasto tra un nugolo di esperti che ogni giorno illustra con ‘rigore scientifico’ come alla realizzazione delle loro ricette economiche seguirà la soluzione dei maggiori problemi economici e investitori miliardari, come il fondo di Serra, che scommettano sulla catastrofe ci stimola a interrogarci sull’attendibilità scientifica non del singolo economista ma della dottrina economica dominante. Due saggi abbastanza recenti scritti dal fisico Sylos Labini e dal matematico Mandelbrot confermano i nostri dubbi. Secondo il fisico italiano l’economia neoliberale non è una scienza. Secondo il matematico belga la teoria del mercato perfetto che dell’economia neoliberale è uno dei pilastri, è semplicemente smentita dalla statistica. SINDACATO Dagli Stati Uniti una nuova analisi sul movimento degli insegnanti che ha attraversato il paese negli ultimi mesi. Un settore del movimento sindacale ricostruisce le ragioni profonde della mobilitazione e dimostra come anche nelle situazioni più avverse ai lavoratori si mettano in moto meccanismi materiali che possono contribuire, se adeguatamente sfruttati, a invertire gli equilibri delle forze in campo. La mobilitazione degli insegnanti arriva infatti in un quadro di estrema debolezza.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter050618: Sinistra snob in crisi

POLITICA L’avanzata elettorale della Lega e del M5S e la nascita del governo giallo-verde rappresentano un’occasione di riflessione per la sinistra italiana e un passaggio preliminare a un periodo di opposizione e irto di interrogativi. Fare opposizione al Governo, ma come e soprattutto a nome di chi e difendendo quali interessi? Per rispondere potrebbe essere utile seguire le vicissitudini che vecchi e nuovi partiti e movimenti di sinistra stanno vivendo oltre confine. La crisi a sinistra infatti non è un fenomeno solo italiano. Basti pensare che mentre in Spagna cadeva il governo di centrodestra Podemos era impegnata in un referendum sulla villa da 600mila euro del suo leader Pablo Iglesias. Il problema però è di rappresentanza: la sinistra considera ancora i lavoratori e le classi subalterne come il proprio riferimento sociale naturale? LAVORO A proposito di lavoratori c’è una categoria di cui si parla poco, sono i 70mila lavoratori della vigilanza privata, che dopo 17 anni di tregua hanno proclamato il primo sciopero generale per chiedere condizioni di lavoro e retribuzioni decenti. Non ci sono solo le guardie giurate, ma anche i cosiddetti ‘fiduciari’, lavoratori non armati, perlopiù giovani, che rappresentano il gradino più basso nel settore. Ne abbiamo intervistati due, che ci hanno raccontato di turni di lavoro fino a 12-13 ore senza poter andare in bagno, flessibilità assoluta e paghe dai 4 ai 6 euro l’ora, con aziende che macinano fatturati da decine di milioni ma usano cooperative fittizie per aggirare leggi e contratti. A Roma intanto il futuro dell’ATAC e dei suoi lavoratori rimane incerto, con la decisione del Tribunale sul piano di concordato preventivo che slitta di 15-30 giorni, un’inchiesta della magistratura per il presunto sabotaggio ai mezzi da parte di ignoti lavoratori e la data del referendum sulla privatizzazione fissata a novembre. HI-TECH Dall’altra parte del mondo più di 4mila dipendenti di Google protestano chiedendo all’azienda di sospendere la collaborazione col Pentagono per la realizzazione di un software in grado di individuare obiettivi militari per i droni nelle immagini satellitari. Un progetto a cui, senza rendercene conto, probabilmente abbiamo collaborato anche noi in qualità di utenti di Internet. E Google è costretta a cedere. Dopo Facebook e Cambridge Analytica la retorica della tecnologia buona che fa del mondo un luogo migliore, su cui le aziende della Silicon Valley hanno costruito la propria immagine, vacilla ancora e incrina il rapporto tra quelle aziende e i loro dipendenti. Una novità che prima o poi potrebbe avere un impatto anche sul piano delle relazioni sindacali.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter010618: Berlino discute il suo piano B

POLITICA Visto il livello del dibattito politico sull’Europa e l’euro a cui abbiamo assistito in questi giorni, ci è sembrato che fosse utile mettere a disposizione dei nostri lettori alcuni elementi che aiutassero a collocare la questione nel giusto contesto. Non siamo di fronte a uno scontro biblico tra il bene e il male ma a un confronto tra posizioni contrapposte all’interno dell’establishment su una scelta contingente: la costruzione di un polo politico-economico capitalistico europeo in grado di rivaleggiare con gli USA e potenze emergenti come Cina e India. Una scelta presa nel secondo dopoguerra, che non rappresenta la prima esperienza di unione monetaria nel Vecchio Continente, e che è al centro di un dibattito internazionale, non solo in Europa ma nel mondo. A marzo a Berlino si è svolto un convegno organizzato da alcune tra le più seriose istituzioni economiche tedesche e con la partecipazione di alcuni tra i più noti consiglieri di Angela Merkel, sul tema di una possibile rottura dell’euro. La proposta emersa dal convegno è la stessa che ha suscitato scandalo quando è uscita la notizia che se ne accennava nel ‘contratto di governo’ Lega-CinqueStelle: l’introduzione di una procedura di uscita dall’euro per i paesi-membri. Il miliardario George Soros invece ha pubblicato nei giorni scorsi un articolo in cui analizza, dal suo punto di vista, le ragioni della crisi del processo di unificazione europea, ne individua tre vulnerabilità – migrazioni, austerity e disgregazione territoriale – e indica con decisione la sua ricetta per curare la malattia. Insomma nel mondo si discute della crisi europea. Pare che solo in Italia discuterne sia fonte di scandalo. Ma come sempre i tabù non fanno che suscitare simpatia nei confronti di chi, a ragione o a torto, vi si oppone. IRLANDA Dopo la vittoria del sì nel referendum sull’aborto di cui ci siamo occupati la settimana scorsa escono alcuni dati interessanti sulla distribuzione territoriale del voto e sulla composizione sociale e anagrafica di chi ha votato sì.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter290518: Lo scontro è nell’establishment

POLITICA L’inedita crisi apertasi con la remissione del mandato da parte del premier incaricato Giuseppe Conte, dopo la bocciatura del candidato Ministro dell’Economia Paolo Savona, ha suscitato un dibattito in punta di diritto per stabilire se Mattarella è stato più o meno ligio ai dettami della Costituzione. Ma il problema è un altro. Già Napolitano aveva dimostrato, prima paracadutando Monti al governo dalla sera alla mattina, poi accettando il secondo mandato presidenziale, che le regole democratiche vanno bene nei periodi di ordinaria amministrazione, ma vengono messe da parte appena lo imponga il ‘bene supremo’. Ciò che conta, più che lezioni dei costituzionalisti, è il cozzare di interessi nella società italiana, nel quadro di un capitalismo europeo e internazionale in marcia verso un nuovo rallentamento della crescita. E qui emergono la sempiterna questione della piccola borghesia italiana e i piani di una grande borghesia del nord che aveva scommesso sulla possibile integrazione almeno del M5S per disinnescarne le minacce. E soprattutto emerge un interrogativo: lo scontro è tra sistema e antisistema oppure tutto interno al primo? In questo contesto, nel laboratorio politico di una borghesia italiana frastornata dall’avanzata del cosiddetto populismo compare sugli schermi la novità di Yezers, la start up politica di un gruppo di giovani managers anche loro post-ideologici che vogliono un paese smart. Insomma, non ci facciamo mancare nulla… SPORT La crisi economica e politica italiana che si esprime nelle vicende di questi giorni pare essere la ragione profonda anche della crisi che attraversa il calcio italiano e che ha visto la nazionale eliminata dagli imminenti mondiali in Russia. Almeno così si evince da due recenti rapporti di Delotte e KPMG, che interpretano lo sport più popolare al mondo come una semplice branca dell’economia.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter250518: l’estremista Paolo Savona

POLITICA Pare che lo scoglio su cui potrebbe infrangersi il ‘Governo del cambiamento’, al cui travagliato parto assistiamo in questi giorni, sia un anziano professore di economia monetaria, liberale moderato, dagli anni ’60 impegnato ai vertici delle maggiori istituzioni politiche ed economiche del capitalismo italiano. Un caso di estremismo senile? O il sintomo di una crisi in cui anche la critica più moderata si trasforma in una minacciosa spada di Damocle che incombe su Bruxelles incutendo terrore? O ancora un semplice espediente propagandistico per condizionare i passi del futuro esecutivo? AMERICA LATINA Dopo Brasile e Venezuela, anche il Nicaragua è attraversato da un’ondata di manifestazioni popolari, che da un mese scuotono, pur con intensità decrescente il governo di uno dei tanti miti della sinistra mondiale, Daniel Ortega, caudillo del Fronte Sandinista, contestato un composito fronte formato da studenti, lavoratori, contadini, ma anche industriali, proprietari terrieri e gerarchie ecclesiastiche che negli ultimi diecì anni avevano sostenuto la sua politica di sostegno alle imprese e di apertura al capitale straniero. SINDACATO Secondo il sito americano Jacobin, dopo la stagione di scioperi nella scuola, in estate qualcosa potrebbe muoversi nel settore della logistica, dove la trattativa sul contratto UPS (280mila iscritti al sindacato) e l’insoddisfazione serpeggiante tra i lavoratori per la politica aziendale, ma anche per la condotta del sindacato, potrebbero riservarci delle sorprese. In un settore sempre più centrale per il capitalismo globale, la logistica, notizie di agitazioni arrivano un po’ da tutto il mondo. In Cina nelle ultime settimane ci sono state manifestazioni in diverse città contro i tagli alle paghe annunciati dalla compagnia di Hong Kong Lalamove. Dalla Francia arriva invece la notizia, scontata, che la riforma delle ferrovie promossa dal Governo è stata bocciata dai lavoratori nel corso della consultazione terminata lunedì scorso. Il problema ora è capire quali conseguenze avrà il voto sulla trattativa e sugli scioperi. CULTURA E’ morto a 85 anni, sei anni dopo aver annunciato il suo ritiro dall’attività letteraria, Philip Roth, autore ebreo americano, la cui opera rappresenta un tassello fondamentale per la comprensione delle contraddizioni e delle inquietudini che hanno attraversato la società americana negli ultimi 50 anni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter220518: Irlanda al voto sull’aborto

Ebbene no, non parliamo di politica italiana, del candidato presidente del consiglio ‘a chiamata’, né facciamo elucubrazioni su quel che deciderà Mattarella. Ce ne occuperemo venerdì quando, forse, il quadro sarà più chiaro e analizzabile in termini politici più che di gossip. SOCIETA’ Ci occupiamo invece dell’Irlanda, dove giovedì si tiene un referendum che per la prima volta potrebbe introdurre un vero e proprio riconoscimento del diritto all’aborto nel paese. Nella lunga intervista con Therese Caherty, esponente dei sindacati irlandesi, che hanno aderito alla campagna per il sì, la nostra interlocutrice ci spiega il contesto in cui è maturata la decisione di convocare il referendum e perché i lavoratori irlandesi e gli iscritti al sindacato (in maggioranza donne) pensano che le organizzazioni dei lavoratori debbano battersi per tutelare la libertà di scelta e la salute delle donne. POLITICA L’inasprirsi delle tensioni in Medio Oriente riattualizza una vecchia polemica aperta anche nell’ambito della stessa sinistra. C’è chi pensa che per contrastare la politica di Trump e di Netanyahu nella regione sia lecito sostenere i loro nemici ‘a prescindere’ e che regimi totalitari o autoritari come quelli di Assad, Putin o degli ayatollah iraniani rappresentino un ‘male minore’, se non addirittura invece un modello da seguire. Posizione peraltro presente anche in settori dei CinqueStelle e, in qualche misura compatibili con l’ispirazione putiniana della Lega. Un lungo articolo di Leila al Ashami, attivista libertaria anglo-siriana, ci racconta pagine poco note della guerra civile, mostrandoci come quella tesi richieda al popolo siriano di pagare un insopportabile tributo di sopraffazione e di sangue in nome di un presunto anti-imperialismo laico di Assad, smentito dai fatti prima ancora che dalla logica. SINDACATO A Roma, Micaela Quintavalle, dopo un’intervista concessa a Le Iene, in cui denunciava la scarsa sicurezza sui mezzi dell’ATAC e i tagli alla manutenzione, viene sospesa a tempo indeterminato dall’Azienda. Uno dei tanti episodi del genere a cui abbiamo assistito in questi ultimi anni, ma che stavolta viene da parte dell’azienda di un comune con un’amministrazione CinqueStelle e colpisce un personaggio notoriamente vicino al Movimento negli anni passati. Intanto anche a Modena i bus continuano a bruciare.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Newsletter180518: Gaza, massacro senza fine?

ESTERI Con Omri Evron, 30 anni, ex esponente del movimento dei refusnik, oggi dirigente dell’organizzazione giovanile del Partito Comunista israeliano, cerchiamo di analizzare ragioni e possibili sviluppi della situazione esplosiva venutasi a creare coi recenti bagni di sangue ai confini della Striscia di Gaza. Evron ci spiega che la società israeliana al momento non è attraversata da reazioni di sdegno per il massacro, ma anzi abbastanza compatta nel sostenere Netanyahu in nome della sicurezza, anche se alcuni segnali di opposizione stanno venendo a galla. Qualche novità interessante si manifesta invece sul fronte palestinese. ITALIA Il dibattito che ha tenuto banco nei giorni scorsi a proposito della bozza del ‘contratto di governo’ tra M5S e Lega si è concentrato sull’Europa e la ‘cancellazione’ di 250 miliardi di BTP, bandierine ideologiche sparite immediatamente dalle bozze successive. Rimane invece la reintroduzione dei voucher, di cui nessuno si è accorto. Ma soprattutto resta una filosofia di fondo per cui pare che legalità, ambiente, digitale siano la parola magica che risolve ogni problema. ECONOMIA Giornali e tv hanno fornito un’interpretazione del Rapporto ISTAT 2018 a dir poco fantasiosa. A quanto si legge nei resoconti giornalistici infatti pare che la crisi demografica sia un problema esclusivamente italiano, in omaggio alla retorica che il nostro sia un paese da cui si può solo fuggire. Ma, come scrivono gli autori del rapporto, la diminuzione della popolazione ha altre ragioni ed è soprattutto un fenomeno che affligge gran parte delle economie avanzate, con conseguenze rilevanti sull’andamento dell’economia mondiale. Un tema su cui si è aperto un dibattito tra i maggiori economisti. LAVORO Mentre i radicali chiedono di stendere un tappeto rosso a Uber per migliorare il trasporto pubblico nella Capitale, un autorevole organo della stampa economica USA ammonisce che in America gli autisti di Uber guadagnano come i lavoratori a salario minimo.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi