Newsletter250918: Cina, la geopolitica di Francesco

POLITICA&RELIGIONE L’accordo siglato sabato scorso da plenipotenziari vaticani a Pechino e presentato come una ‘intesa storica’ che risolverà finalmente lo scontro sulle nomine di vescovi in Cina, non nasce da motivazioni ideologiche o religiose, ma da una questione squisitamente di potere e quindi politica: Pechino chiede al Papa di non interferire nella vita della Cina e di non dare sponda ai suoi nemici, mentre la Chiesa cerca un modo per sopravvivere in quel paese unificando i propri fedeli e allo steso tempo una sponda per vincere la sfida con Islam e Chiesa pentecostale in Africa, senza rompere con gli USA, pregiudicandosi il futuro in una regione altrettanto strategica come l’America Latina. PUTIN Il decisionismo del presidente russo, che meno di sei mesi fa sembrava uscire trionfatore nelle urne, oggi viene rimesso in discussione dalla reazione dei russi alla controriforma delle pensioni, che spinge migliaia di persone in piazza e milioni di elettori verso un voto di protesta, di cui il maggiore beneficiario è il Partito Comunista. I brogli elettorali a Vladivostok, a vantaggio del candidato governatore di Putin, suscitano una reazione popolare tale da costringere il Cremlino a intervenire per annullare il voto. ITALIA Nella colorata ciurma degli amici italiani di Putin la mobilitazione contro la riforma delle pensioni e i brogli a Vladivostok suscitano imbarazzo o addirittura silenzio, perfino nelle file dei ‘comunisti’ più legati agli oppositori russi della riforma e alle vittime di quei brogli. Tra i simpatizzanti dell’ex spia del KGB però ci sono anche gruppi di estrema destra ed esponenti della maggioranza di governo. CINEMA Un gruppo di oltre mille attori italiani, Facciamolaconta, lancia una campagna per chiedere che anche nel settore audiovisivo sia introdotto un contratto nazionale di lavoro per chi recita. Un rapporto redatto dai ricercatori della Fondazione Di Vittorio fa emergere le ragioni materiali di questa iniziativa.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

PRIMO PIANO Anche gli attori lottano…

Per una star con cachet da favola ce ne sono almeno 99 che faticano ad andare avanti e magari ci riescono solo facendo il cameriere o la hostess per arrotondare. Sono i lavoratori dello spettacolo, che secondo ‘Vita da artisti’, ricerca promossa da SLC CGIL e dalla Fondazione Di Vittorio raccogliendo circa 5mila questionari, in Italia guadagnano in media circa 5mila euro lordi l’anno. La paga sindacale giornaliera di un attore teatrale professionista è 65 euro lordi e la diaria, che dovrebbe coprire le spese di vitto e alloggio in trasferta, è tale che o ci si fa ospitare da amici oppure c’è il rischio di dover usare una parte del salario per pagarsi l’albergo. Se poi l’assunzione avviene – come accade sempre più spesso – in forma di collaborazione a partita IVA, allora tutto è rimesso alla contrattazione individuale, con condizioni anno dopo anno sempre più difficili. Il problema però non sono solo le paghe ma la precarietà del rapporto. Per maturare un anno di anzianità contributiva servono almeno 120 giornate lavorative l’anno, un traguardo che coi tempi che corrono  è diventato sempre più un miraggio.

Leggi tuttoPRIMO PIANO Anche gli attori lottano…

Newsletter090318: Dialogo PD-5 Stelle? A Torino c’è già

POLITICA Il dibattito politico postelettorale si concentra intorno alla praticabilità di una qualche forma di dialogo tra PD e M5S. Renzi respinge al mittente, dicendo ‘mai al governo con gli estremisti’. Ma un renziano come il governatore del Piemonte Chiamparino apre a Di Maio indicando Torino come modello di relazioni politiche col Movimento. Abbiamo analizzato il modello Torino. La città dimostra che, aldilà delle schermaglie abituali tra forze politiche concorrenti, ci sono elementi oggettivi di convergenza legati sia a questioni di rappresentanza sociale sia, di conseguenza, di proposta politica. TRASPORTI Il salvataggio della GTT, l’azienda di trasporto pubblico del Comune di Torino, è un esempio oggettivo di continuità tra le politiche di ‘risanamento’ del centrosinistra e quelle del M5S, testimoniata anche dalla continuità dei vertici aziendali. E’ quanto emerge, scolpito nel linguaggio dei numeri, dal piano industriale approvato a gennaio. D’altra parte Torino riflette una tendenza più generale: a Firenze come a Napoli, a Genova come a Roma il risanamento del trasporto pubblico passa attraverso i tagli al servizio e al costo del lavoro e il ricorso ai privati. 8 MARZO Da due anni il movimento delle donne ha scelto la forma dello ‘sciopero sociale’ per celebrare questa scadenza. Perché, con quali contraddizioni o quali opportunità? Ne parliamo con Laura Guidetti, presidente dell’Associazione Marea e una lunga militanza femminista alle spalle. LAVORO Attori in azione davanti ai proprio luoghi di lavoro, i teatri delle maggiori città italiane, per informare il pubblico che il loro contratto nazionale è sotto attacco. Un messaggio diretto anche a imprese e sindacato.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi