Newsletter100921: SALARIO MINIMO In Germania piace alla grande impresa

ECONOMIA Secondo un recente studio proveniente da Londra l’introduzione del salario minimo in Germania nel 2015 non solo non ha prodotto un innalzamento del tasso di disoccupazione, ma ha determinato una parziale riorganizzazione del sistema delle imprese, spingendo fuori mercato un certo numero di aziende di dimensioni ridotte e scarsa efficienza economica. Un’osservazione che spiega l’opposizione che il mondo economico e la politica in Italia hanno fatto all’assunzione di misure analoghe. SINISTRA Un viaggio nella sinistra afghana dalle origini fino alle difficili condizioni poste dall’occupazione: la seconda e ultima parte del saggio che abbiamo iniziato a pubblicare nell’ultima newsletter.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter070921: Roghi di mercato

AMBIENTE Ad agosto sono andate in fiamme decine di migliaia di ettari di territorio con un costo valutato in un miliardo di euro da Coldiretti. In epoca di transizione ecologica è un argomento che andrebbe posto al centro di una seria riflessione, analizzando il funzionamento del sistema di antincendio boschivo, il ruolo che vi svolgono il pubblico e il privato. Scopriremmo di essere di fronte all’ennesimo fallimento del mercato. E forse è per questo che invece non se ne parla. SINISTRA Dopo la fine dell’occupazione straniera in Afghanistan e il ritorno dei talebani si apre una nuova fase politica, in cui il popolo afghano sarà chiamato a prendere in mano il proprio destino. Per la sinistra internazionale è importante capire se esista una sinistra afghana, da che storia provenga, che caratteristiche abbia e in quali condizioni si trovi a operare. In questa newsletter la prima parte di un lungo articolo che affronta l’argomento.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter030921: Afghanistan, radiografia di un fallimento

GEOPOLITICA L’ignominiosa ritirata delle truppe di occupazione dall’Afghanistan cancella vent’anni di chiacchiere sulla democrazia esportata nel paese a suon di bombe e sulla lotta senza quartiere contro l’integralismo islamico. La scontata autocelebrazione retorica del prezioso lavoro svolto dalle truppe americane e dai suoi alleati, Italia inclusa, non spiega come mai si sia deciso di mettervi fine né la rapida e incontestata avanzata dei talebani. La spiegazione si trova invece nei dati e nei numeri che abbiamo raccolto da fonti ufficiali e autorevoli. MAPPE Cinque mappe sull’Afghanistan per provare a spiegare la complessità di un paese giovanissimo, socialmente composito e situato in uno snodo nevralgico dell’Asia centrale. SINISTRA Esiste una sinistra afghana e con quali caratteristiche? Ce ne occupiamo nelle prossime newsletter. Qui un’anticipazione.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter050319: Di Maio e il mito delle start up

GIALLO-VERDI Tra slide e toni roboanti ieri a Torino il Ministro dello Sviluppo Economico Di Maio ha presentato la sua idea di sviluppo economico per l’Italia: finanziare start up e PMI innovative prendendo le risorse dalle aziende di Stato, facendosi prestare il denaro da cittadini e lavoratori e invitando i colossi cinesi e americani della finanza mondiale a unirsi alla festa. Dietro c’è una cultura che però non è dei soli giallo-verdi e negli anni è stata rincorsa da tutto il parterre politico-istituzionale, centro-sinistra in testa: la filosofia del ‘piccolo è bello’, che dall’elogio della piccola-media impresa ci porta dritti dritti all’esaltazione ‘piccole patrie’, con tutto ciò che ne consegue. ECONOMIA Se da anni tutti ci spiegano che negli USA l’economia da tempo è uscita dalla crisi e che occupazione e standard di vita crescono senza soste, un rapporto della FED di New York rivela che 7 milioni di americani sono in ritardo di oltre 90 giorni nel pagare le rate della propria auto. E gli stessi economisti della FED dicono di esserne sorpresi. Forse la vittoria di Trump due anni fa avrebbe dovuto far sorgere qualche sospetto? GEOPOLITICA Il ravvivarsi del conflitto indo-pakistano, con gli avvenimenti dell’ultimo mese in Kashmir, riflette dinamiche che hanno il proprio epicentro non solo in quella regione, ma anche nelle trattative a Doha per preparare l’uscita USA dall’Afghanistan, nello scontro commerciale tra USA e Cina e nei piani di Pechino per realizzare la ‘Nuova Via della Seta’.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale e all’archivio completo clicca qui.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi