Newsletter230218: Embraco, cronaca di una chiusura annunciata

POLITICA/ECONOMIA Da qualche giorno non si fa che parlare della vertenza Embraco. Ne parla chi è in piena campagna elettorale e chi, come il ministro Calenda, veste i panni del ministro che difende gli operai italiani e si prepara a giocare il ruolo di riserva della Repubblica dopo il 4 marzo. Ma questa vicenda rispecchia l’impotenza di uno Stato che in 20 anni si è privato di qualunque strumento di intervento pubblico nell’economia in nome del mercato e della superiorità del privato. Ora, quando un’impresa minaccia di chiudere, non resta che mettere mano al portafoglio, sperando che, come in questo caso, non ci sia qualche paese disposto a offrire di più per attirare investimenti e ottenere qualche posto di lavoro. LAVORO L’inchiesta di un giovane ricercatore dell’Università di Londra, che è anche un lavoratore di Deliveroo e rappresentante sindacale, registra una crescita delle mobilitazioni dei lavoratori impiegati dalle piattaforme di consegna di cibo a domicilio e individua nuove direzioni in cui sviluppare la ricerca su questo fenomeno. ESTERI Chi ha una certa età ricorda Cyril Ramaphosa, nuovo presidente del Sud Africa dopo le dimissioni di Zuma, come uno dei leader più radicali del sindacato dei minatori e del movimento contro l’apartheid, ma anche protagonista di una svolta che lo ha portato a diventare imprenditore minerario, convolto nel massacro di 34 minatori in sciopero a Marikana nel 2012. Una parabola che in qualche modo illustra e ricapitola la storia dell’ANC, il partito fondato da Nelson Mandela, diventato espressione di corruzione endemica e complice di un’esplosione delle disuguaglianze sociali nella secondo economia africana. La scelta di Ramaphosa potrebbe non essere casuale.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter200218: Renzi in rotta verso Macron?

EUROPA E’ dalla vittoria di Macron lo scorso anno che in Italia circolano voci sul fatto che Renzi mediterebbe di creare un suo partito per seguire le orme del presidente francese. Ora da oltre confine questa ipotesi viene rilanciata e arricchita di un elemento, cioè una più ampia scissione del gruppo parlamentare socialista a Bruxelles, che coinvolgerebbe anche gli spagnoli di Ciudadanos, in vista di una lista macronista transnazionale alle europee del 2019. Che tali ipotesi vengano confermate o meno esse confermano la crisi profonda che attraversa una socialdemocrazia che dopo il 1989 ha cercato di accreditarsi come interlocutore affidabile per il capitalismo internazionale, in grado di realizzare un programma economico neoliberale, ma, a differenza della destra, anche di mantenere condizioni di pace sociale grazie al suo controllo sul sindacato e sulle organizzazioni di massa dei lavoratori. La probabile sconfitta del PD italiano il 4 marzo, dopo la rovinosa caduta dei socialisti francesi, dei laburisti olandesi e la scomparsa del Pasok greco, potrebbe essere una tappa decisiva di questa crisi. In Germania la SPD attraversa una delle fasi più difficili della sua storia, ma anche la stella di Angela Merkel sembra non risplendere più come una volta, tanto che si parla apertamente di successione. ITALIA Mentre il dibattito politico viene monopolizzato dai rimborsi dei 5 Stelle e dalle traversie di De Luca jr, in Africa occidentale e nel Mediterraneo orientale la politica estera di Gentiloni subisce due smacchi, di cui però non si occupa nessuno. Il governo del Niger fa filtrare la notizia che la missione militare italiana approvata dal Parlamento italiano a gennaio non è gradita, mentre, al largo di Cipro, la marina militare turca ferma una piattaforma italiana per la ricerca di idrocarburi in cerca di gas per conto dell’ENI. CINEMA Nelle sale italiane dalla settimana scorsa The Party, un ritratto impietoso di una borghesia laburista inglese in crisi di nervi.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter160218: DOSSIER Quando la monnezza è un affare (per pochi)

ECONOMIA/POLITICA In questa newsletter abbiamo deciso di concentrarci su un unico argomento, tratto dall’ennesima polemica elettorale sulla gestione dei rifiuti a Roma. Ancora una volta la propaganda politica, assecondata da un’informazione anch’essa prevalentemente propagandistica, tende a semplificare i problemi: per centrosinistra e centrodestra il problema sono i 5 Stelle che non vogliono l’inceneritore. Per i 5 Stelle il problema sono le amministrazioni precedenti, corrotte, e la soluzione è il piano ‘rifiuti zero’. Per qualcuno è solo una questione di salute, per altri solo ‘questione morale’. La realtà è che – come emerge anche dall’intervista a un lavoratore di AMA che abbiamo realizzato – i problemi tecnici, che si collocano nel contesto di un’industria dei rifiuti sempre più complessa, hanno a monte un problema politico: un sistema di gestione del potere e di controllo sociale che a Roma rimane intatto nonostante l’avvicendarsi di giunte di diverso colore. O il ciclo dei rifiuti viene sottratto al controllo di quel sistema di interessi incrociati e si torna alla logica del servizio pubblico oppure non si vede una soluzione. D’altra parte quel sistema non si autodistruggerà da solo, se non si muovono i soggetti che dai disservizi di AMA non solo non ricavano alcun vantaggio, ma hanno soltanto da perderci: i lavoratori, che operano in condizioni sempre peggiori, e i comuni cittadini, che pagano tasse sempre più alte per un servizio che resta scadente.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter130218 Rinnovi contrattuali elettorali nel pubblico impiego

SINDACATO La campagna elettorale e i timori del Governo in vista del voto sono riusciti a produrre un’ondata di rinnovi elettorali nel pubblico impiego di cui quello della scuola è forse il più emblematico: dopo 9 anni senza contratto a febbraio l’ARAN firma con CGIL CISL e UIL un rinnovo triennale che comincia… a gennaio 2016 e scade a fine anno. COSTUME Il secondo posto de Lo Stato Sociale al festival di Sanremo viene salutato da alcuni come l’irruzione di una generazione di vittime della precarietà su uno dei palchi più in vista dello show business. Ma è proprio così e chi sono i cinque ‘disobbedienti’ ’bolognesi autori di questo exploit? ATTUALITA’ Hanno suscitato grande scalpore le accuse rivolte dalla commissione d’inchiesta sui militari vittime dell’uranio arricchito ai vertici delle forze armate. Di che cosa si tratta, ma soprattutto perché nessuno dice che le conseguenze della contaminazione postbellica si scaricano anche e soprattutto sulle popolazioni civili che vivono negli ex teatri di guerra? LETTURE Sono state tante le iniziative editoriali e non che nel corso del 2017 hanno dedicato attenzione al centenario della Rivoluzione russa. PuntoCritico ha scelto per voi, in tutto il panorama di quelle iniziative, i migliori tre testi da leggere per capire quei giorni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter090218 +Europa: macronismo in salsa radicale

POLITICA Che cosa rappresenta Più Europa, il nuovo movimento lanciato da Emma Bonino, coinvolgendo personaggi ben lontani dalla tradizione radicale come il ministro Calenda e l’ex commissario alla spending review di Renzi, Carlo Cottarelli? A giudicare dai programmi, che abbiamo analizzato, il tentativo di candidarsi a fare sul serio molte delle cose che Renzi ha soltanto promesso, con un personale politico di ben maggiore autorevolezza rispetto all’entourage del segretario del PD, ormai sempre più in crisi di immagine, non soltanto nei confronti dell’elettorato, ma soprattutto dei settori di potere economico che nel 2014 avevano scommesso su di lui o, più prudentemente, avevano deciso di dargli almeno una chance. ECONOMIA I retroscena della vendita di Italo al fondo Global Infrastructure Partners e la notizia che il governo britannico potrebbe rinazionalizzare per la seconda volta la società che gestisce i collegamenti ferroviari tra Londra e la Scozia ci permettono di fare alcune riflessioni su una delle proposte contenute nel programma economico di Emma Bonino: le aziende e i servizi pubblici che operano dove c’è concorrenza devono essere privatizzati e liberalizzati a beneficio dei cittadini. SINDACATO In Germania i metalmeccanici, con un accordo storico, sono riusciti a strappare la riduzione dell’orario di lavoro da 35 a 28 ore settimanali? Leggendo il resoconto dettagliato fatto da Der Spiegel si direbbe che le cose non stiano proprio così, anche se l’accordo, visto dall’Italia, presenta alcuni aspetti interessanti. Sullo sfondo il compromesso tra sindacato e imprese, ‘azionisti di riferimento’ della nuova Grosse Koalition che governerà la Germania per altri 5 anni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter060218: Erdogan promette il ‘paradiso’ alle imprese italiane

POLITICA Il presidente turco Erdogan ieri era in visita a Roma, non soltanto per incontrare Papa Francesco e Gentiloni. La cena di ieri sera col Gotha dell’imprenditoria italiana è stata un momento non secondario, in cui ai convenuti si è parlato delle opportunità di investire in un paese in dove – come spiega il sindacalista turco Feyyaz Metin – il diritto di sciopero è di fatto abolito in nome della sicurezza nazionale. Un momento forse considerato troppo imbarazzante per dargli troppo risalto. Così come i media hanno tralasciato di dire che una fetta consistente dei futuri affari tra Italia e Turchia sarà nel campo della difesa, cioè delle armi, che oggi Erdogan usa contro i curdi in Siria, suscitando proteste come quelle andate in scena ieri a Castel Sant’Angelo.. ECONOMIA La polemica sul braccialetto ai dipendenti Amazon, una boutade elettorale (come riconoscono gli stessi dipendenti di Amazon) ripropone tuttavia un tema degno di analisi: le possibili applicazioni dell’intelligenza artificiale (e più in generale delle nuove tecnologie) per ridurre il costo del lavoro. Un tema su cui pare manchi una riflessione della sinistra, in tutte le sue forme più o meno fantasiose, ma soprattutto nel sindacato. ILVA A quasi un anno da quando AM Investco (ArcelorMittal+Marcegalia) si è aggiudicato il maggiore gruppo della siderurgia italiana come procedono le trattative su occupazione e contratti? Quali sono le prospettive per i lavoratori? Come giudicare le posizioni espresse dalla politica in campagna elettorale? Ne parliamo con un sindacalista della FIOM impegnato ai tavoli romani. 

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter020218: FOCUS Giovani e politica: divorzio senza fine?

FOCUS Giornali e sondaggisti prevedono un’ondata di astensionismo senza precedenti tra i giovani, evocata anche dal recente appello del Presidente della Repubblica ai 18enni affinché si rechino alle urne. A giudicare dalla campagna elettorale in corso potremmo dire che i giovani non si interessano di politica perché la politica non si interessa dei giovani, ma in questa crisi di relazione ci sono aspetti più strutturali. Il Rapporto Giovani dell’Istituto Toniolo e un voluminoso rapporto dell’OSCE ci aiutano a inquadrare meglio il fenomeno sul piano nazionale e internazionale. Dai dati emerge tuttavia anche qualche elemento di controtendenza. E se l’estrema destra alle elezioni studentesche sfonda nella ‘rossa’ Toscana vuol dire che uno spazio per attrarre i giovani verso l’impegno politico c’è ancora. POLITICA A questo proposito a Genova, dopo l’aggressione a un gruppo di antifascisti da parte di militanti di Casapound, si apre un dibattito sulle radici sociali della crescita dell’estrema destra. Piero Acquilino, dirigente della FIOM genovese e membro del nostro comitato editoriale, su Repubblica di ieri risponde a Luca Borzani, direttore dell’Istituto di Storia Sociale Ligure. SINDACATO Un’interessante analisi pubblicata ieri da Der Spiegel spiega come nel duro scontro tra l’IG Metall e gli industriali tedeschi questo fine settimana potrebbe rappresentare un punto di svolta, ma anche, più in generale, un passaggio decisivo per il futuro delle relazioni sindacali in Germania. SINISTRA Jean-Luc Melenchon chiede l’espulsione di Tsipras e di Syriza dal Partito della Sinistra Europea, dopo la legge antisciopero voluta dal governo greco. Due modelli della sinistra italiana entrano in rotta di collisione, ma la sinistra italiana pensa alla campagna elettorale.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter300118: FOCUS Utopia 4.0 e tagli nel programma 5 Stelle

POLITICA Ieri Luigi Di Maio, ha presentato le liste del M5S, il partito che i sondaggi indicano come il più votato dai lavoratori e dai giovani, presentando i candidati come ‘supercompetenti’. Siamo andati a spulciare programmi, documenti, interviste e interventi a convegni di queste ultime settimane per cercare di capire quali sono le proposte dei 5 Stelle sui principali argomenti che riguardano la politica e economica e il lavoro. E se vi sia (e quale)una filosofia, una visione del mondo consistente alla base di tali proposte. MEDIO ORIENTE: si apre la conferenza di pace sulla Siria a Sochi e ancora una volta la Russia di Putin sempre voler giocare il ruolo di chi dà le carte. Secondo un sito israeliano il piano prevederebbe nuove elezioni, garanzie per i sunniti rispetto ai privilegi degli alawiti di Assad e l’espulsione di tutte le milizie presenti nel paese, incluse quelle filoiraniane. Nel frattempo Erdogan gioca la sua partita contro i curdi, dentro uno scambio negoziale con Putin. Sul futuro dei curdi potrebbero giocarsi i futuri assetti dell’intera regione. VENEZUELA Mentre va avanti lo scontro istituzionale tra la Corte Suprema e il Parlamento e la comunità internazionale insorge contro la stretta antiopposizione, l’economia è al collasso e la popolazione, colpita da una drammatica crisi alimentare, reagisce con episodi di saccheggi e manifestazioni sempre più frequenti. Le contraddizioni emergono anche all’interno della burocrazia chavista con alcune figure, sostenute dai partiti di estrema sinistra e da movimenti e assemblee popolari, che tuttavia, come del resto l’opposizione, faticano a diventare un punto di riferimento di massa. Il possibile embargo totale del petrolio chiesto da Trump potrebbe far precipitare la situazione. Leggi la newsletter integrale.

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

Newsletter2600118 Il partito della Silicon Valley contro Trump?

POLITICA Mark Zuckerberg, 33enne miliardario fondatore di Facebook, lancia un appello dal suo profilo contro la politica migratoria di Trump. Più che una battaglia di idee tra un giovane esponente della giovane imprenditoria liberal della Silicon Valley e un vecchio tycoon populista e antiquato, lo scontro riflette il peso crescente del microchip rispetto al carbone nell’economia americana. E il peso che a loro volta la manodopera straniera ha nel settore più avanzato e dinamico dell’industria a stelle e strisce. ECONOMIA Davos è il palcoscenico per lo scontro tra Trump e il resto del mondo sul tema dei dazi, ma la discussione assume contorni surreali se consideriamo che a premere sulla Casa Bianca per limitare l’importazione di celle fotovoltaiche dall’Asia sono stati un gruppo tedesco e uno cinese. TRASPORTI Un macchinista ci spiega perché deraglia un treno e quali sono i problemi a monte che mettono a rischio la sicurezza di passeggeri e lavoratori delle ferrovie. Leggi la newsletter integrale.

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

Newsletter230118 Coalizione grande sì, ma incerta…

POLITICA In Germania la SPD dà il via libera per la seconda volta a una Grande Coalizione con la CDU-CSU di Angela Merkel, ma stavolta ne esce spaccato in due. Tutti appaiono soddisfatti, ma in realtà aleggia la preoccupazione per una situazione politica instabile che è frutto a sua volta di una difficoltà materiale. La locomotiva economica tedesca denuncia i sintomi di problemi che non possono essere più nascosti ancora a lungo come polvere sotto il tappeto. E richiederebbe un bilancio a tutti coloro  che, anche in Italia, in questi anni ce l’hanno presentata come un modello virtuoso. ITALIA Siamo un paese a rischio di fascismo, al punto da aver dovuto inasprire la Legge Scelba, emanata dopo soli 7 anni dalla fine di Mussolini? Oppure è una delle tante boutades a cui ormai l’attuale politica, soprattutto in campagna elettorale, ci ha abituato? DIRITTI Anche se in Italia in pochi se ne sono accorti, le donne polacche sono scese ancora in piazza contro il tentativo del Parlamento di rendere ancora più restrittiva la normativa sull’interruzione di gravidanza. Dietro – come cerchiamo di spiegare – non c’è solo una questione etica, ma un business di dimensioni ragguardevoli. CINEMA/CULTURA A 120 anni dalla nascita di Eisenstein e a 70 dallo scontro tra il regista e la burocrazia staliniana nelle sale italiane un film inglese ricorda con intelligenza e ironia tipicamente british la morte di Stalin e la lotta per la successione alla guida dell’URSS. Leggi la newsletter integrale

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi