Newsletter2622121: Verti, l’assicurazione sempre avanti, anche con gli esuberi

LAVORO 325 esuberi sui 600 dipendenti di Verti, la compagnia assicurativa di Cologno Monzese di proprietà del gruppo spagnolo Mapfre. Una decisione annunciata il 12 novembre e che per Paolo Plona, lavoratore e delegato sindacale della CGIL, più che al covid va imputato alla spietata concorrenza tra le assicurazioni dirette. SOCIETÀ A pochi giorni dal debutto della quinta serie di Gomorra una voce proveniente da Scampia, quella di Davide Cerullo, ci spiega perché la narrazione di Saviano è vecchia, inutile, forse anche più votata a lasciare le cose come stanno che a cambiarle. SEGNALAZIONI Nelle elezioni presidenziali in Cile, sconfitti i partiti tradizionali, vanno al ballottaggio i candidati della destra populista e della sinistra radicale. Le ragioni della polarizzazione in un interessante articolo su Valigia Blu.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter231121: 10 anni dopo la “Primavera” egiziana

INTERNAZIONALE A 10 anni esatti di distanza dalle elezioni che segnarono l’affermazione della Fratellanza Musulmana e il progressivo affossamento della “Primavera” egiziana due ricercatori pubblicano una lunga analisi che ci racconta la storia inedita del ruolo del movimento sindacale nella caduta del regime di Hosni Mubarak e in qualche misura ne spiega anche, almeno in parte, il fallimento. A proposito dell’Egitto si parla spesso della questione democratica, in questi ultimi anni particolarmente a proposito dei casi di Giulio Regeni e Patrick Zaki. Invece si tralascia abbondantemente la questione sociale e gli stretti legami che intercorrono tra i due livelli, dimenticando che il movimento del 2011 fallì proprio perché si pensò che fosse possibile avere più democrazia mantenendo inalterata la politica economica e sociale del vecchio regime.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter191121: La crisi dei profughi e il dilemma tedesco

IMMIGRAZIONE Sembrano lontani i tempi in cui l’Europa si commuoveva per i profughi afghani. Oggi, con migliaia di rifugiati, anche afghani, stretti tra soldati bielorussi e polacchi ai confini dell’UE, il cinico gioco dello scaricabarile è ripreso come nulla fosse. In Germania la destra chiede “rigore”, mentre verdi e socialdemocratici vorrebbero che la Merkel risolvesse loro il problema per evitare di doversene occupare loro. LAVORO L’ennesima commedia burocratica dell’assurdo: i 20 operatori dell’Istituto Statale Sordi di Roma, unica struttura pubblica che si occupa di sordità a 360 gradi,assunti ogni anno per 11 mesi con contratto di collaborazione, sono senza contributi dal 2019, senza stipendio da sei mesi, in un edificio fatiscente e senza riscaldamento (per morosità) perché… in 20 anni il governo italiano non è riuscito ad approvare un regolamento di riordino dell’ente.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter161121: Smartphone e lotta di classe, uno studio da Berlino

SINDACATO&TECNOLOGIA Dopo le Primavere Arabe si è parlato a più riprese del ruolo giocato dalle nuove tecnologie nelle mobilitazioni sociali. Una recente pubblicazione di due ricercatori del Weizenbaum Institut di Berlino affronta lo speciale capitolo dell’utilizzo dei media digitali nell’organizzazione dei lavoratori nei luoghi di lavoro, traendo spunto da alcune vertenze sindacali svoltesi negli ultimi 15 anni in aziende come Enercon, Uber, British Airways, Ryanair, Walmart e dal lavoro teorico di Jane McAlevey, organizzatrice dell’AFL-CIO e saggista. Quest’ampia panoramica ci consente di comprendere i vantaggi offerti dalle nuove tecnologie, ma allo stesso tempo ci mette in guardia dall’illusione che la militanza online possa sostituire il duro lavoro quotidiano “in presenza” nei posti di lavoro.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter121121: Auto elettrica, ma non col litio europeo

AMBIENTE Mentre alcuni ambientalisti chiedono ai capi di Stato riuniti a Glasgow di accelerare sulla transizione energetica, altri ambientalisti in Germania, Spagna, Serbia e Portogallo contestano lo sfruttamento dei giacimenti del litio necessario per produrre le batterie necessarie a realizzarla. È la contraddizione di un ambientalismo secondo cui per salvare il pianeta basta cambiare il modo in cui produciamo l’energia, senza mettere in discussione l’economia di mercato. SINDACATO L’ondata di attivismo sindacale che attraversa gli USA colpisce anche Starbucks: da mercoledì per un mese i lavoratori di tre caffè di Buffalo votano  per il riconoscimento del sindacato.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter091121: La prossima pandemia? Potrebbe essere informatica

POLITICA&TECNOLOGIA Un anno e mezzo fa siamo rimasti scioccati dall’inatteso arrivo di un virus proveniente dalla Cina che in pochi mesi è riuscito a cambiare le nostre vite come mai avremmo immaginato. Eppure non si è trattato di un avvenimento imprevedibile: i documenti ufficiali e gli studi dei ricercatori erano colmi di avvertimenti, che facevano capolino anche sulla stampa, pur senza mai vedersi riconoscere la dignità della prima pagina. Alcuni fatti avvenuti in Italia e nel mondo in questi ultimi mesi suonano come un monito che anche questa volta ampiamente sottovalutato. Si tratta del potenziale arrivo, forse anche in questo caso da Oriente, di un altro genere di virus, i virus informatici, che avranno effetti materiali altrettanto pesanti sulle nostre vite se si investe sulla sicurezza informatica come si è “investito” sulla sanità pubblica. I rischi connessi a questo tema e i ritardi accumulati dall’Occidente emergono persino nel dibattito negli apparati di sicurezza americani sugli “attacchi informatici con effetti materiali”. Un tema che potrebbe diventare da prima pagina nei prossimi anni.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter051121: La strada di Draghi non è più in discesa come prima

POLITICA A otto mesi dal suo insediamento a Palazzo Chigi non possiamo dire che la luna di miele tra Draghi e gli italiani accenni a finire, ma le nubi all’orizzonte si accumulano. Ad accrescere le asperità del suo cammino contribuisce una congiuntura economica che, almeno nelle economie avanzate, vede comparire alcune potenziali opportunità per i lavoratori. Peccato che i sindacati non sembrino rendersene conto. LAVORO L’ultimo rapporto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro conferma questa dinamica: se l’impatto del covid sull’occupazione risulta complessivamente peggiore del previsto, in alcuni paesi ad alto reddito cresce il numero di posizioni lavorative vacanti, segno che un numero crescente di disoccupati rifiuta i posti con condizioni di lavoro peggiori e salari inferiori.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter021121: Sul set della morte i lavoratori chiedevano sicurezza

SINDACATO Sul set cinematografico che ha visto la morte di Halyna Hutchins, uccisa da un colpo di pistola esploso incidentalmente dall’attore Alec Baldwin, qualche ora prima la troupe era entrata in sciopero protestando contro ritmi e condizioni di lavoro, di cui Baldwin, quale coproduttore, era uno dei responsabili. Per reagire a pandemia e concorrenza cinese gli studios di Hollywood hanno tagliato drasticamente la forza-lavoro e aumentato il tasso di sfruttamento dei superstiti. POLITICA Rémy Daillet, il bizzarro guru novax e no5G accusato dai giudici francesi di aver pianificato un colpo di Stato con tanto di assalto alla tv e ai palazzi del potere, riflette la maionese impazzita complottismo e tentazioni autoritarie di cui è vittima la società francese, ma ci offre anche qualche elemento di riflessione sui fatti di casa nostra.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Squid Game, una metafora del capitalismo

SOCIETÀ In Corea una serie su Netflix, Squid Game, diventa fonte di ispirazione per i lavoratori sudcoreani che la settimana scorsa hanno scioperato in tutto il paese. Il racconto distopico di una società dove la competizione è sfrenata e chi perde muore diventa la metafora del capitalismo per milioni di proletari in una delle potense industriali dell’Estremo Oriente.  LAVORO Uno dei settori sui cui la crisi ha picchiato più duro è l’abbigliamento. Un articolo di Deborah Lucchetti riassume i dati di un dossier di “Abiti Puliti” sugli effetti del covid sui lavoratori nei paesi asiatici in cui questo settore negli anni è stato quasi integralmente delocalizzato.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Newsletter261021: Berlino, Tesla e i paradossi della transizione ecologica

AMBIENTE Le polemiche attorno alla gigafactory aperta da Tesla, l’azienda produttrice di auto elettriche di Elon Musk, alle porte di Berlino, evidenziano i tanti paradossi della transizione ecologica, tra aspirazioni a salvare il pianeta e interessi a gonfiare i dividendi. POLITICA Dopo l’assalto alla sede nazionale della CGIL da parte di militanti di Forza Nuova e novax torna il tema del “fascismo alle porte”. Ripubblichiamo un intervento di tre anni fa, agli esordi del governo giallo-verde, per spiegare che il fascismo di solito è la reazione a un’avanzata della sinistra e del sindacato. Quindi, almeno per un po’, possiamo stare tranquilli… CINEMA “Qui rido io”, lo strepitoso film di Martone su Eduardo Scarpetta, rievoca la figura di un geniale padre padrone di una famiglia-compagnia-impresa teatrale nell’Italia postrisorgimentale e lo scontro all’interno della borghesia in ascesa sul ruolo del teatro.

Se vuoi leggere la newsletter integrale clicca QUI.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi