Newsletter130218 Rinnovi contrattuali elettorali nel pubblico impiego

SINDACATO La campagna elettorale e i timori del Governo in vista del voto sono riusciti a produrre un’ondata di rinnovi elettorali nel pubblico impiego di cui quello della scuola è forse il più emblematico: dopo 9 anni senza contratto a febbraio l’ARAN firma con CGIL CISL e UIL un rinnovo triennale che comincia… a gennaio 2016 e scade a fine anno. COSTUME Il secondo posto de Lo Stato Sociale al festival di Sanremo viene salutato da alcuni come l’irruzione di una generazione di vittime della precarietà su uno dei palchi più in vista dello show business. Ma è proprio così e chi sono i cinque ‘disobbedienti’ ’bolognesi autori di questo exploit? ATTUALITA’ Hanno suscitato grande scalpore le accuse rivolte dalla commissione d’inchiesta sui militari vittime dell’uranio arricchito ai vertici delle forze armate. Di che cosa si tratta, ma soprattutto perché nessuno dice che le conseguenze della contaminazione postbellica si scaricano anche e soprattutto sulle popolazioni civili che vivono negli ex teatri di guerra? LETTURE Sono state tante le iniziative editoriali e non che nel corso del 2017 hanno dedicato attenzione al centenario della Rivoluzione russa. PuntoCritico ha scelto per voi, in tutto il panorama di quelle iniziative, i migliori tre testi da leggere per capire quei giorni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter090218 +Europa: macronismo in salsa radicale

POLITICA Che cosa rappresenta Più Europa, il nuovo movimento lanciato da Emma Bonino, coinvolgendo personaggi ben lontani dalla tradizione radicale come il ministro Calenda e l’ex commissario alla spending review di Renzi, Carlo Cottarelli? A giudicare dai programmi, che abbiamo analizzato, il tentativo di candidarsi a fare sul serio molte delle cose che Renzi ha soltanto promesso, con un personale politico di ben maggiore autorevolezza rispetto all’entourage del segretario del PD, ormai sempre più in crisi di immagine, non soltanto nei confronti dell’elettorato, ma soprattutto dei settori di potere economico che nel 2014 avevano scommesso su di lui o, più prudentemente, avevano deciso di dargli almeno una chance. ECONOMIA I retroscena della vendita di Italo al fondo Global Infrastructure Partners e la notizia che il governo britannico potrebbe rinazionalizzare per la seconda volta la società che gestisce i collegamenti ferroviari tra Londra e la Scozia ci permettono di fare alcune riflessioni su una delle proposte contenute nel programma economico di Emma Bonino: le aziende e i servizi pubblici che operano dove c’è concorrenza devono essere privatizzati e liberalizzati a beneficio dei cittadini. SINDACATO In Germania i metalmeccanici, con un accordo storico, sono riusciti a strappare la riduzione dell’orario di lavoro da 35 a 28 ore settimanali? Leggendo il resoconto dettagliato fatto da Der Spiegel si direbbe che le cose non stiano proprio così, anche se l’accordo, visto dall’Italia, presenta alcuni aspetti interessanti. Sullo sfondo il compromesso tra sindacato e imprese, ‘azionisti di riferimento’ della nuova Grosse Koalition che governerà la Germania per altri 5 anni.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter060218: Erdogan promette il ‘paradiso’ alle imprese italiane

POLITICA Il presidente turco Erdogan ieri era in visita a Roma, non soltanto per incontrare Papa Francesco e Gentiloni. La cena di ieri sera col Gotha dell’imprenditoria italiana è stata un momento non secondario, in cui ai convenuti si è parlato delle opportunità di investire in un paese in dove – come spiega il sindacalista turco Feyyaz Metin – il diritto di sciopero è di fatto abolito in nome della sicurezza nazionale. Un momento forse considerato troppo imbarazzante per dargli troppo risalto. Così come i media hanno tralasciato di dire che una fetta consistente dei futuri affari tra Italia e Turchia sarà nel campo della difesa, cioè delle armi, che oggi Erdogan usa contro i curdi in Siria, suscitando proteste come quelle andate in scena ieri a Castel Sant’Angelo.. ECONOMIA La polemica sul braccialetto ai dipendenti Amazon, una boutade elettorale (come riconoscono gli stessi dipendenti di Amazon) ripropone tuttavia un tema degno di analisi: le possibili applicazioni dell’intelligenza artificiale (e più in generale delle nuove tecnologie) per ridurre il costo del lavoro. Un tema su cui pare manchi una riflessione della sinistra, in tutte le sue forme più o meno fantasiose, ma soprattutto nel sindacato. ILVA A quasi un anno da quando AM Investco (ArcelorMittal+Marcegalia) si è aggiudicato il maggiore gruppo della siderurgia italiana come procedono le trattative su occupazione e contratti? Quali sono le prospettive per i lavoratori? Come giudicare le posizioni espresse dalla politica in campagna elettorale? Ne parliamo con un sindacalista della FIOM impegnato ai tavoli romani. 

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter020218: FOCUS Giovani e politica: divorzio senza fine?

FOCUS Giornali e sondaggisti prevedono un’ondata di astensionismo senza precedenti tra i giovani, evocata anche dal recente appello del Presidente della Repubblica ai 18enni affinché si rechino alle urne. A giudicare dalla campagna elettorale in corso potremmo dire che i giovani non si interessano di politica perché la politica non si interessa dei giovani, ma in questa crisi di relazione ci sono aspetti più strutturali. Il Rapporto Giovani dell’Istituto Toniolo e un voluminoso rapporto dell’OSCE ci aiutano a inquadrare meglio il fenomeno sul piano nazionale e internazionale. Dai dati emerge tuttavia anche qualche elemento di controtendenza. E se l’estrema destra alle elezioni studentesche sfonda nella ‘rossa’ Toscana vuol dire che uno spazio per attrarre i giovani verso l’impegno politico c’è ancora. POLITICA A questo proposito a Genova, dopo l’aggressione a un gruppo di antifascisti da parte di militanti di Casapound, si apre un dibattito sulle radici sociali della crescita dell’estrema destra. Piero Acquilino, dirigente della FIOM genovese e membro del nostro comitato editoriale, su Repubblica di ieri risponde a Luca Borzani, direttore dell’Istituto di Storia Sociale Ligure. SINDACATO Un’interessante analisi pubblicata ieri da Der Spiegel spiega come nel duro scontro tra l’IG Metall e gli industriali tedeschi questo fine settimana potrebbe rappresentare un punto di svolta, ma anche, più in generale, un passaggio decisivo per il futuro delle relazioni sindacali in Germania. SINISTRA Jean-Luc Melenchon chiede l’espulsione di Tsipras e di Syriza dal Partito della Sinistra Europea, dopo la legge antisciopero voluta dal governo greco. Due modelli della sinistra italiana entrano in rotta di collisione, ma la sinistra italiana pensa alla campagna elettorale.

Se vuoi accedere alla newsletter integrale clicca qui.

Newsletter300118: FOCUS Utopia 4.0 e tagli nel programma 5 Stelle

POLITICA Ieri Luigi Di Maio, ha presentato le liste del M5S, il partito che i sondaggi indicano come il più votato dai lavoratori e dai giovani, presentando i candidati come ‘supercompetenti’. Siamo andati a spulciare programmi, documenti, interviste e interventi a convegni di queste ultime settimane per cercare di capire quali sono le proposte dei 5 Stelle sui principali argomenti che riguardano la politica e economica e il lavoro. E se vi sia (e quale)una filosofia, una visione del mondo consistente alla base di tali proposte. MEDIO ORIENTE: si apre la conferenza di pace sulla Siria a Sochi e ancora una volta la Russia di Putin sempre voler giocare il ruolo di chi dà le carte. Secondo un sito israeliano il piano prevederebbe nuove elezioni, garanzie per i sunniti rispetto ai privilegi degli alawiti di Assad e l’espulsione di tutte le milizie presenti nel paese, incluse quelle filoiraniane. Nel frattempo Erdogan gioca la sua partita contro i curdi, dentro uno scambio negoziale con Putin. Sul futuro dei curdi potrebbero giocarsi i futuri assetti dell’intera regione. VENEZUELA Mentre va avanti lo scontro istituzionale tra la Corte Suprema e il Parlamento e la comunità internazionale insorge contro la stretta antiopposizione, l’economia è al collasso e la popolazione, colpita da una drammatica crisi alimentare, reagisce con episodi di saccheggi e manifestazioni sempre più frequenti. Le contraddizioni emergono anche all’interno della burocrazia chavista con alcune figure, sostenute dai partiti di estrema sinistra e da movimenti e assemblee popolari, che tuttavia, come del resto l’opposizione, faticano a diventare un punto di riferimento di massa. Il possibile embargo totale del petrolio chiesto da Trump potrebbe far precipitare la situazione. Leggi la newsletter integrale.

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

Newsletter2600118 Il partito della Silicon Valley contro Trump?

POLITICA Mark Zuckerberg, 33enne miliardario fondatore di Facebook, lancia un appello dal suo profilo contro la politica migratoria di Trump. Più che una battaglia di idee tra un giovane esponente della giovane imprenditoria liberal della Silicon Valley e un vecchio tycoon populista e antiquato, lo scontro riflette il peso crescente del microchip rispetto al carbone nell’economia americana. E il peso che a loro volta la manodopera straniera ha nel settore più avanzato e dinamico dell’industria a stelle e strisce. ECONOMIA Davos è il palcoscenico per lo scontro tra Trump e il resto del mondo sul tema dei dazi, ma la discussione assume contorni surreali se consideriamo che a premere sulla Casa Bianca per limitare l’importazione di celle fotovoltaiche dall’Asia sono stati un gruppo tedesco e uno cinese. TRASPORTI Un macchinista ci spiega perché deraglia un treno e quali sono i problemi a monte che mettono a rischio la sicurezza di passeggeri e lavoratori delle ferrovie. Leggi la newsletter integrale.

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

Newsletter230118 Coalizione grande sì, ma incerta…

POLITICA In Germania la SPD dà il via libera per la seconda volta a una Grande Coalizione con la CDU-CSU di Angela Merkel, ma stavolta ne esce spaccato in due. Tutti appaiono soddisfatti, ma in realtà aleggia la preoccupazione per una situazione politica instabile che è frutto a sua volta di una difficoltà materiale. La locomotiva economica tedesca denuncia i sintomi di problemi che non possono essere più nascosti ancora a lungo come polvere sotto il tappeto. E richiederebbe un bilancio a tutti coloro  che, anche in Italia, in questi anni ce l’hanno presentata come un modello virtuoso. ITALIA Siamo un paese a rischio di fascismo, al punto da aver dovuto inasprire la Legge Scelba, emanata dopo soli 7 anni dalla fine di Mussolini? Oppure è una delle tante boutades a cui ormai l’attuale politica, soprattutto in campagna elettorale, ci ha abituato? DIRITTI Anche se in Italia in pochi se ne sono accorti, le donne polacche sono scese ancora in piazza contro il tentativo del Parlamento di rendere ancora più restrittiva la normativa sull’interruzione di gravidanza. Dietro – come cerchiamo di spiegare – non c’è solo una questione etica, ma un business di dimensioni ragguardevoli. CINEMA/CULTURA A 120 anni dalla nascita di Eisenstein e a 70 dallo scontro tra il regista e la burocrazia staliniana nelle sale italiane un film inglese ricorda con intelligenza e ironia tipicamente british la morte di Stalin e la lotta per la successione alla guida dell’URSS. Leggi la newsletter integrale

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

Newsletter190118 Perche’ la perestroika di Francesco non basta

POLITICA Non siamo abituati a vedere Papa Francesco criticato, contestato, addirittura colpito da oggetti scagliati dalla folla in un paese della ‘sua’ America Latina e di forte tradizione cattolica come il Cile. E’ il segno di  una progressiva laicizzazione del subcontinente, ma anche di una crisi della storica egemonia della Chiesa Cattolica in questa parte del mondo. E che si intreccia con la crisi di un sistema politico-economico di cui i cattolici cileni – come osservano persino NYT ed Economist – sono parte integrante. E’ anche l’effetto di una stagnazione economica che colpisce il Cile da almeno tre anni. ECONOMIA Dopo i record del 2017 precipitano il bitcoin e le criptovalute e le aspettative di denaro facile (e magari di finanza ‘democratica’) che la loro impetuosa avanzata aveva prodotto anche in molti risparmiatori italiani. E’ un fenomeno che va spiegato con le categorie di una nuova economia digitale ad alta tecnologia o si tratta, coi dovuti aggiustamenti, di una nuova bolla speculativa? Per farsi un’idea è utile capire bene come funzionano queste nuove monete, come il capitalismo finanziario le sta utilizzando per fare profitti e aggirare il controllo statale e in che modo contribuiscono al loro successo internet e nuove tecnologie come le reti P2P e blockchain. LAVORO La tragedia della Lamina di Milano e la notizia che ieri è morto il quarto operaio accendono i riflettori – come sempre in questi casi – sul tema della sicurezza sul lavoro. Se non vogliamo cadere nella retorica, però, serve un ragionamento sui dati disponibili, su quanto essi traccino una foto realistica della situazione e su spiegazioni capaci di indicare soluzioni effficaci. CINEMA Le aziende occidentale non delocalizzano solo la produzione di Iphone, ma anche la riproduzione a mano dei quadri di Van Gogh che i turisti acquisteranno nei negozi di souvenir di Amsterdam. Un docufilm uscito lunedì nelle sale italiane descrive un aspetto inedito del capitalismo cinese, ma anche una vicenda umana emozionante. Leggi la newsletter integrale

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito.

 

Newsletter160118 Che ci facciamo in Niger?

Giornali e TG in queste ore sparano in prima pagina i ‘lapsus’ del candidato leghista alla presidenza della regione Lombardia in difesa della ‘razza bianca’ e le dichiarazioni di Salvini e Di Battista sui vaccini. Sono chiacchiere, battute dettate dai sondaggisti di partito per lucrare uno zero virgola in più e strappare un titolo. A noi non interessano le chiacchiere, ma i fatti che ci stanno dietro e che, a differenza delle chiacchiere, pesano concretamente sulla vita delle persone e sul futuro del mondo in cui viviamo. Quei fatti che le chiacchiere tendono a occultare e che PuntoCritico.info vuole, nei limiti dei suoi piccoli mezzi, mettere al centro dell’attenzione. Ad esempio POLITICA Perché il governo Gentiloni ha deciso di inviare 400 militari italiani in Niger? Si tratta solo di combattere jihadisti e trafficanti di uomini? E perché una parte dell’establishment e delle stesse gerarchie militari nutre dubbi su quell’operazione, che, non a caso, è stata più volte annunciata e poi smentita prima della decisione definitiva del Governo, che domani dovrebbe essere ratificata coi voti già annunciati di PD, Forza Italia, AP e Lega? INTERNAZIONALE In Tunisia, come in Iran, il 2018 si apre con grandi manifestazioni contro una finanziaria varata dal governo di unità nazionale e dettata dal FMI, che contiene forti aumenti dei prezzi, e contro una politica che ha deluso le aspirazioni di cambiamento esplose nel 2011 con la primavera tunisina. Un’intervista di Gilbert Achcar al quotidiano francese Libération analizza le ragioni di un movimento che potrebbe rappresentare una seconda ondata di rivolte nei paesi dell’Africa e del Medio Oriente. FISCO Tutti citano la proposta della Lega Nord di introdurre una flat tax con aliquota unica al 15%, ma nessuno spiega bene come funziona né dice che c’è un’altra proposta, forse più insidiosa, proveniente da un think tank non propriamente di destra, quell’Istituto Bruno Leoni, presieduto da fratello di Carlo De Benedetti, Franco, ex senatore DS e animato dall’ex consigliere economico di D’Alema Nicola Rossi. Quali effetti avrebbe la realizzazione delle due proposte? SINDACATO Dal nordovest un caso che pone al centro dell’attenzione le contraddizioni della rappresentanza sindacale. USB viene esclusa dalle elezioni per il rinnovo delle RSU di IREN, la multiutility del nordovest. Maurizio Rimassa (USB) racconta i fatti e spiega come il Testo Unico sulla Rappresentanza Sindacale del 2014 nei posti di lavoro venga spesso applicato a beneficio di una sola parte del sindacato. Leggi la newsletter integrale.

Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito. 

Newsletter 021217 Fake news o no news?

POLITICA In Italia la settimana politica si apre all’insegna della polemica sulle fake news: più che un Russiagate nostrano l’eterno scontro di interessi economici e geopolitici globali in Europa, a colpi di rivelazioni, che in realtà rivelano ben poco. Difendere la ‘democrazia occidentale’ da Putin e dal populismo o schierarsi con la Russia per arginare l’egemonia USA e il rigore di Bruxelles? In realtà né l’una né l’altra ipotesi appaiono una risposta alla crisi sociale ed economica che colpisce i lavoratori e le classi medie in Italia e in Europa. LAVORO Mentre infuria la polemica politica sul tema del lavoro tra Renzi e la ‘nuova sinistra’ di MDP, SI e Possibile, i raiders di Foodora chiedono il riconoscimento del rapporto di lavoro subordinato, una paga oraria minima di 7,50 euro l’ora e un monte ore settimanale di 20 ore garantite e a novembre l’intero settore della cosiddetta gig o net economy è entrato in subbuglio, coi lavoratori di Amazon che si prendono le prime pagine scioperando nel black Friday. Mentre i tassisti tornano in piazza riportando all’attenzione il problema Uber. Cosa rappresenta oggettivamente questa ‘nuova economia digitale’? Ed è vero che l’automazione e il web faranno esplodere la disoccupazione o è vero invece che stanno creando milioni di posti di lavoro con paghe da fame? TRASPORTI A proposito di tassisti e di trasporto pubblico, vi ricordate l’annuncio fatto all’inizio dell’anno dal ministro Del Rio? Quasi 4 miliardi stanziati per il rinnovo del vetusto parco mezzi delle aziende di trasporto comunali e regionali italiane. Mentre si discute la legge di bilancio 2018, l’ultima di questa legislatura, ci chiediamo che fine hanno fatto quei soldi e facciamo alcune verifiche sulla situazione nelle maggiori aziende di trasporto pubblico italiane. SINDACATO E ancora a proposito di trasporti alla GTT di Torino i lavoratori hanno appena votato per il rinnovo della RSU. Ne parliamo con Michele Schifone, neoeletto delegato e coordinatore regionale di USB Trasporti del Piemonte. Leggi la newsletter integrale.

Questa è una newsletter di prova realizzata nel mese di dicembre. Dall’1 febbraio per accedere alla versione integrale delle nostre newsletter sarà necessario essere soci/abbonati di PuntoCritico. E’ il solo modo che abbiamo per garantirti un’informazione di qualità. Se sei interessato e vuoi sostenerci vai alla sezione ‘Aderisci’ del sito. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi